AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

lunedì 26 novembre 2012

Habemus Maestram!

Cara Lilli,

il titolo del post già fa comprendere tutto: oggi è arrivata FINALMENTE la maestra di sostegno per la mia monella!

Mi sembra quasi come se avessero eletto il nuovo Papa (scusa il paragone eccessivo, ma non se poteva davvero più di questa attesa!!!)

Chi ha letto il post di giovedì scorso  sa che ero leggermente arrabbiata per la mancata nomina dell'insegnante di sostegno per mia figlia, nonostante fossimo giunti quasi a fine novembre ormai.

Venerdì mattina sono stata in direzione a scuola e ho protestato vivamente, al che mi è stato detto che le graduatorie provinciali erano esaurite e che non riuscivano a trovare una supplente che accettasse un incarico per solo 12 ore. Mah...non so quanto fosse vero, comunque teoricamente potrei informarmi al provveditorato. Ma ad ogni modo mi fu anche detto che per lunedì (ossia oggi) era prevista un'ennesima convocazione e che c'erano buone speranze che la cosa andasse in porto.

E così è stato, fortunatamente. Per quanto possa essere considerato una fortuna avere l'insegnante di sostegno solo per la metà delle ore massime possibili e a partire dal 26 di novembre, quando la scuola da noi è iniziata il 15 settembre.

Dettagli. 

(Sono un pochino ironica....si è capito?)

Comunque, la nuova maestra l'ho conosciuta poco fa, quando sono andata a prendere la monella. L'impressione è stata abbastanza positiva: si chiama A., è una donna non giovanissima ma non troppo in là con gli anni (tra i 40 e i 45 direi), di aspetto gradevole, dai modi affabili, che mi ha subito detto che la monella è stata brava per essere il primo approccio con una perfetta sconosciuta e che ha seguito con discreto interesse tutto ciò che lei le ha proposto di fare insieme.

Bene. 

Però...eh si, c'è quasi sempre un però. Che vuoi farci, Lilli?

Dicevo: però l'insegnante stessa mi ha anche subito detto che lei non è preparata specificamente per il tipo di disturbo della monella, che non ha un'esperienza precedente di questo tipo, ma che vuole subito documentarsi il più possibile, parlare con lo psicologo (con cui avrebbe già parlato se fosse stata nominata per tempo e avesse così potuto partecipare al famoso Gruppo H della scorsa settimana....sempre dettagli, si), confrontarsi con le colleghe del plesso che hanno seguito la monella già nei due anni precedenti.

Diciamo che qui si aprirebbe un capitolo di discussione che non si esaurirebbe in breve spazio, Lilli, per cui evito di aprirlo. Ma sottolineo che in Italia il sistema scolastico fa un pò (un pò tanto, anzi) pena: gli insegnanti di sostegno non sono quasi mai (per non dire mai) preparati adeguatamente. Chiusa parentesi.

Una cosa buona (e si, dai, qualcosa di positivo c'è....lo ammetto!) è che la maestra A. si è meravigliata delle poche ore di sostegno che hanno assegnato alla monella e mi ha detto che magari potremmo poi provare (io, lei e le maestre di sezione) a chiedere a chi di dovere che siano aumentate. Soprattutto in virtù del fatto che le potenzialità della cucciola sono tante (ringraziando il Signore con la faccia per terra, come si dice dalle mie parti) e bisogna battere il ferro finchè è caldo, senza far passare questo anno scolastico che è importante in vista della scuola primaria. E la monella purtroppo ha di negativo il fatto di essere estremamente oppositiva, evitante ed iperattiva (così come detto dallo psicologo, ma anche dalle terapiste che la seguono) e quindi si deve lavorare sodo per ottenere risultati (che in potenza per lei sono raggiungibilissimi) e più ore con un'insegnante dedicata totalmente a lei non potrebbero che farle del bene.

Io non credo che sarà possibile, visto che chissà come è che siamo arrivati ad avere questo poco. Ma tentar non nuoce, no?

Ok, ho finito. Perdona la lungaggine, ma erano due mesi che attendevo questo momento, quindi lasciami gioire un minimo!


30 commenti:

  1. Meglio tardi che mai mi verrebbe da dire...
    Anche mio cugino ha avuto una maestra di sostegno alle elementari, ma non so sinceramente quante ore lei gli stesse accanto. So solo che era una ragazza giovane, a cui lui si era affezionato proprio tanto. All'inizio non la sopportava, poi invece ha iniziato a volerle un gran bene e alla fine delle elementari si è messo anche a piangere perché non l'avrebbe più avuta con sé. Magari sarà la stessa cosa anche con la tua bellissima monella, pian pianino.
    Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fru, ma comunque non è che io mi preoccupi tant di come reagirà la moenlla alla nuova insegnante: lei di solito iisi adatta abbastanza facilmente; è il lavoro che deve svolgere l'insegnante, professionalmente parlando, che mi suscita dubbi....non so se è preparata a sufficienza (lei stessa ha ammesso di non essere esperta del tipo di disturbo della monella) perchè è una specie di "ripiego" che la scuola ha trovato in mancanza di insegnnati di sostegno in graduatoria.
      Speriamo bene, ad ogni modo. Meglio questo che niente!
      Baci!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Non so perchè questo tuo entusiastico commento era finito nella cartella "spam" :-(
      Ora però l'ho ripristinato...e ti ringrazio tanto Cri!!

      Elimina
  3. Io ti dico una cosa: lotta e scassa i maroni.la burucrazia scolastica mi fa schifo...e poi che non si trovino supplenti é vero...ma dico io...ora può anche scegliere? Ai miei tempi se non prendevi la supplenza andavi in fondo alla graduatoria o depennata...ma era il giurassico..mi fa schifo sto mondo scuola .....te fatti sentire..vai dalla neuropsichiatra..aumenta le ore..fallo...rompi rompivrompi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sly cara, si, io cercherò di ottenere il massimo possibile.
      Però è vero: è una vergogna il sistema vigente nella scuola, specie nell'ambito del sostegno.
      Grazie, ti abbraccio.

      Elimina
    2. ha perfettamente ragione Sly ... sino ad alcuni anni fa era impossibile rinunciare alle supplenze adesso hanno addirittura giorni intere per decidere se accettare o rifiutare ... ha tutto schifo e come ti dice Sly rompi ... e poi rompi ancora e pensa che lo fai per tua figlia!!!

      Elimina
  4. Ciao leggo stasera per caso e per la prima volta il tuo blog e ho spulciato qua e la.... ci accomunano alcune parole Disturbo pervasivo dello sviluppo.
    Anche io quello che sono riuscita ad ottenere l'ho ottenuto lottando con i pugni e con i denti come ogni mamma sa fare per il bene dei propri cuccioli.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta Francesca! Sono già passata da te stamattina, poi tornerò a commentare con più calma.
      Il web dà la possibilità di incontrare tante persone con cui condividere qualcosa.
      Ciò che ci accomuna è una cosa delicata, è bello sapere che c'è chi può comprendere ciò che si vive quotidianamente.
      A presto!

      Elimina
  5. Sono davvero contenta per voi... la monella farà grandi progressi. Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei carina, grazie! Speriamo bene!

      Elimina
  6. Oh finalmente, sono contenta di leggerlo.
    Dolce notte cara Maris.
    Miky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era una notizia che ci voleva proprio, vero?
      Un abbraccio, ciao Miky!

      Elimina
  7. ciao Maris
    sono proprio contenta!!! purtroppo nella scuola funziona così bisogno osare ... chiedere e continuare a battere il ferro finchè è caldo. Speriamo che la collega abbia voglia di fare e anche se non è preparata scolasticamente ormai si può usare internet e le risorse in rete sono tantissime
    in bocca al lupo per tutto ... un abbraccio Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Patrizia! Cercheremo di osare e auguriamoci che davvero la nuova maestra abbia la buona volontà e il desiderio di far il meglio possibile per la monella.
      Un bacione!

      Elimina
  8. Maris... sono davvero contenta che finalmente sia arrivata la maestra! Per tutti i particolari che racconti invece, che posso dire? Non ha preparazione specifica per seguire la tua bimba, le ore sono poche... tu fatti sentire! Con educazione e rispetto ma continua a insistere e non ti arrendere. Penso anche io che l'anno prima della scuola primaria sia molto importante e sarebbe bello che la tua bimba potesse avere tante tante ore di sostegno per poter beneficiare di tutto l'aiuto possibile per apprendere e migliorare. Mannaggia alla burucrazia italiana, ai fondi che mancano e tutto il resto :-(
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la partecipazione sentita a questa vicenda, Claudia. Io vedrò ciò che si può fare per ottenere qualcosa in più, ma almeno la monella a scuola potrà cominciare a lavorare un pò meglio rispetto alle settimane scorse, perchè quanto meno ci sarà per un pò di tempo una persona dedicata solo a lei. Voglio vedere un minimo di positività in questa cosa.
      Un abbraccio anche a te, ciao!

      Elimina
    2. Ma certo! Il fatto che finalmente sia arrivata la maestra è una cosa molto molto positiva e ne devi essere davvero felice. Se si può avere di più: ok, se non si può ritieniti ugualmente soddisfatta :-)

      Elimina
  9. Carissima, sono tornata fra i .......vivi !! Sono molto contenta che finalmente ci sia l'insegnante di sostegno per la monella, io sono abbastanza positiva visto che oggi la scuola fa pena e non abbiamo la possibilità di cambiare niente a meno che non si faccia una rivoluzione.........ma dove poi ci porterebbe una cosa simile ? Meglio accontentarci, se la maestra in questione ha davvero buona volontà vedrai che forse darà di più alla riccioluta in termini di qualità e non di quantità. Vedrai che le cose andranno bene e ...in bocca al lupo !!!!!!! elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena! Che bello leggere di nuovo il tuo nome qui sul mio blog!
      Anche io volgio cercare di essere positiva augurandomi che questa maestra sia una persona di coscienza e di buona volontà, però le cose dovrebbero andare un pò diversamente per essere davvero adeguate alla situazione e non parlo solo del caso della monella, ma di tutta la scuola in generale.
      Ad ogni modo, un passo avavnti lo abbiamo fatto, rispetto all'inizio della'nno scolastico, cerchiamo di andare avanti bene :-)
      un grande abbraccio a te e Gigi, spero che stiate emglio dell'ultima volta che ci siamo aggiornate.

      Elimina
  10. ciao Maris,
    anche se l'insegnante che hai conosciuto si è dichiarata non specializzata per il tipo di disturbo, vedrai che troverà, con la sua sensibilità, la chiave per aprire tutte le potenzialità della nostra monellina. Ne sono certo e Lina me lo conferma per esperienze vissute nelle scuole materne.
    Ciao a tutti da robi e lina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro, Robi. Credo sarà così perchè mi è parsa una persona corretta e anche con quel tocco di dolcezza mista a determinazione che occorre in questi casi. Vedremo col tempo se la buona impressione sarà confermata.
      Ringrazia Lina per l'incoraggiamento e un bacione a tutti e due voi!

      Elimina
  11. Almeno un mattoncino lo avete messo, bene! E anche sapere che la monella potrà iniziare a lavorare sodo almeno per un po' di ore. Peccato per i tanti se e ma, peccato perché voi genitori non potete mai smettere di combattere con il sistema ... però sono certa che la guerra la vincerete, voi e la vostra piccola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Marzia, hai detto bene: è un mattoncino! Speriamo ne seguano altri man mano per costruire una casetta bella solida e accogliente :-)
      Ma come tu dici, la lotta non finisce qui: si prosegue per avere il meglio possibile per la monella!

      Elimina
  12. Posso dire semplicemente evviva?????? :o) e grazie per li auguri al pargolo!
    Mille baci
    cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che puoi! E il tuo EVVIVA è bellissimo per me!!
      Spero che il tuo ometto trascorra un bel compleanno oggi :-)

      Baci a te!

      Elimina
  13. Evvai, sono contenta!
    Purtroppo la burocrazia, anche nel comparto scuola, segue l'andamento del gambero...per non parlare dell'innumerevole schiera degli insegnanti di sostegno....troppo spesso reclutati senza che ne abbiano le reali attitudini e motivazioni, ma perchè inseriti in graduatorie nelle quali, fino a non molto tempo fa, era diciamo "più facile" accedere e scorrere...
    Auguri alla monella e alla sua maestra per una proficua collaborazione.
    E auguri a te per la tua nuova pagina... :-)!!
    Dimenticavo! la nostra amica dall'anima verde ti ringrazia per l'immeritata citazione!
    Kissettini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che sei contenta sul serio, Calo. Grazie!
      Stendiamo un velo pietoso sulla burocrazia scolastica...
      I tuoi auguri giungono graditissimi, anche per la nuova pagina del blog :-) e dici all'amica dall'anima verde che avevo solo l'imbarazzo della scelta tra tanti suoi bellissimi post!
      Abbraccione!

      Elimina
  14. Che bello leggere che ti sei rasserenata per l'insegnante a cui affidare la tua bimba! Hai ragione, che paese penoso... I corsi per insegnanti di sostegno non credo siano all'altezza delle reali difficoltà dei ragazzi. Pensa che ho insegnato latino ad una meravigliosa ragazzina ipovedente (privatamente), che non aveva che pochissime ore di sostegno a scuola e una professoressa che le prestava davvero poche attenzioni. Almeno l'insegnante della tua bambina mi sembra interessata!! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra che sia una brava maestra, ma se fosse preparata specificamente sarebbe di certo stato meglio. Che dire...visto tante altre situazioni peggiori posso almeno dirmi abbastanza soddisfatta e tranquilla.
      Quando passerà alle scuole elementari però spero bene che ci sia un pò più di competenza (anche se ne dubito, ahimè...)
      Un bacio a te, cara!

      Elimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)