AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

mercoledì 30 ottobre 2013

Gruppo H

Cara Lilli,

ieri c'è stato il primo incontro del gruppo H a scuola della monella. 


C'eravamo ovviamente io, la maestra di sostegno, la maestra titolare di cattedra, lo psicologo, la coordinatrice delle insegnanti di sostegno e la rappresentante del consorzio dei servizi sociali che fornisce assistenza nelle ore in cui la maestra di sostegno è libera (una mattina alla settimana).

Ci siamo incontrati dopo un mese e mezzo dall' inizio delle lezioni per parlare di come è cominciata l'attività scolastica della monella, di che rapporto ha instaurato con la sua maestra di sostegno, di come si è integrata nella classe. 


Poi c'era da fissare gli obiettivi minimi da raggiungere (se si riesce ad andare oltre...ben venga!) e la maestra di sostegno doveva presentare il PDF (Profilo Dinamico Funzionale).

E' davvero utile questo tipo di riunione e non solo dal punto di vista pratico e programmatico. 

Il gruppo h ti riporta con i piedi per terra. 

Il che può farti anche male, ma è necessario.

Mi spiego: in quel contesto si sviscerano tutte le situazioni e le problematiche, con conseguente messa in evidenza dei limiti di tuo figlio. Ed  è un pò come prenderne coscienza per la prima volta, perchè tu forse anche inconsciamente cerchi di vedere le cose belle, i risultati positivi che ci sono e tendi a cullarti su quell'entusiasmo. E' normale, è umano.

Un momento: è ovvio che non si devono dimenticare o sminuire quelle cose belle e quei risultati positivi (vedi qui e qui) ed è giusto gioirne, ma non bisogna mai perdere di vista la realtà, anche nella sua durezza. 

In questo modo le gioie future saranno ancora più profonde e i passi avanti ancora più significativi, perchè hai ben chiaro il problema con cui tuo figlio deve misurarsi.

Non è bello sentirsi dire che la tua bambina a volte in classe ha crisi di pianto o grida ripetutamente all'improvviso, apparentemente senza motivo, o che comunque manifesta grande agitazione in alcuni momenti. 
Non è bello sapere che non è ancora in grado di scrivere le letterine senza il tratteggio o che non vuole neppure provare a scrivere qualche letterina in corsivo, mentre gli altri bimbi della sua classe lo stanno già facendo. 
Non è bello sapere che svolge dei compiti a casa differenti dagli altri compagni (cioè più semplici).

Però... però ti strappa un bel sorriso sentirti dire che nessuno nella sua classe sa contare in inglese come lei (e neppure in italiano fino a dove arriva lei); che conosce tutti i nomi dei suoi compagni; che partecipa (pur se sollecitata dalla maestra) al gioco del silenzio e ad altri piccoli giochi che fanno nei momenti di ricreazione; che dice alla sua maestra "ti voglio bene".

Il problema c'è. Ma c'è anche la voglia di perseverare e continuare il percorso.


38 commenti:

  1. E continua, vedrai che di cose belle ce ne saranno ancora tante altre.

    RispondiElimina
  2. Che la cosa ti faccia restare ancorata alla (dura) realtà credo sia una buona cosa.
    Perché almeno hai il quadro lucido della questione.
    Vedo che sei positiva e così dev'essere, le cose belle saranno molte e di più: se ti può consolare, anche io ho sempre avuto, al licelo, i compiti più facili. Ma non per cause serie, semplicemente perché ERO CIUCCIO.
    Vedi, secondo me è molto peggio XD

    Un abbraccione alla monella e... stai sempre ROCK!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'incoraggiamento e per il sorriso che mi hai regalato, caro MOZ-CIUCCIO :-)
      Ti abbraccio.

      Elimina
  3. Cara Maris la realtà è sempre difficile, ma vedo che le soluzioni si trovano sempre.
    Se anche non sempürea nostro favore.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Tomaso: speriamo che si trovino davvero sempre le soluzioni migliori per chi ha problemi da superare!
      Un carissimo luto!

      Elimina
  4. So che non ci conosciamo ed entro in punta di piedi nel tuo delizioso blog per lasciarti un abbraccio virtuale. Spero che tutte le persone che incontrerò nel mio lavoro (sto studiando per diventare assistente sociale) abbiano l'entusiasmo, la determinazione e il cuore che dimostri tu nel tuo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero grazie, Belle.
      Io ti auguro di conservare sempre nel lavoro che andrai a svolgere la sensibilità nel comprendere le situazioni e la delicatezza che si evidenzia dal tuo commento.
      Ricambio il tuo abbraccio :-)

      Elimina
  5. Un abbraccio grande cara Maris, vedrai he ogni giorno sarà sempre meglio, bacioni!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mille grazie, Speedy! Noi andiamo avanti determinati e speriamo sempre per il meglio.

      Elimina
  6. E infatti non dovete mollare mai!! Ti ammoro molto per il tuo coraggio ela tua determinazione e sono certa che, grazie a voi genitori, la monella fara' progressi enormi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, io cerco di fare del mio meglio, abbattermi non mi aiuterebbe e soprattutto non aiuterebbe la monella: quindi avnti tutta :-)

      Elimina
  7. Anche noi ieri eravamo in riunione in bocca al lupo per tutti i vostri piccoli e grandi progressi

    RispondiElimina
  8. Si è vero, la realtà può esser dura, ma grazie agli sforsi di tutti vostri e suoi ha ottenuto dei risultati meravigliosi.
    Continuate così Maris, prendete atto di com'è ma concentratevi su quello che ancora potete ottenere e su tutto ciò che già avete ottenuto.
    Forza Maris siamo tutti con voi!
    Un abbraccio grande grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara sara, so che ci sono tanti amici che ci seguono anche se da lontano: il web può essere davvero un bel post, vero? Grazie, conto sul sostegno tuo e degli altri blogger :-)
      Noi faremo del nostro meglio!

      Elimina
  9. Sarà un percorso lungo ma sono certa che avrete continue soddisfazioni, vedrai!
    Tieni duro cara Maris!!!!
    Vi abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tengo duro, certo, non temere: ci può essere un attimo di sconforto ma passa.
      Grazie, ricambio il tuo abbraccio.

      Elimina
  10. I bambini come Monella viaggiano con un percorso differente, ma viaggiano e arrivano, questo è l'importante. Non importa che strade prendano, l'importante è che non si fermino e Monella mi pare che faccia sempre progressi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero: l'importante è il viaggio che si fa, anche se con modalità e temopi diversi.
      Un bacione!

      Elimina
  11. La Monella conosce tutti i suoi compagni e sa dire "ti voglio bene".
    Questo è un piccolo tesoro a cui se ne aggiungeranno altri. :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, concordo sul fatto che questo sia già una cosa preziosa :-)
      Un bacio, cara Ninin.

      Elimina
  12. sei una brava mamma..un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte le mamme hanno doti che vengono fuori a seconda della particolarità dei loro figli, seocndo me. Ti ringrazio, un bacio!

      Elimina
  13. Sei una dolcissima e attenta mamma. I tuoi bambini sono tanto fortunati ad avere te e tuo marito come genitori. Un bacio, tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà per questo che ho amiche di blog dolcissime come te, Ros.
      Ti ringrazio tanto, sei un tesoro!

      Elimina
  14. Che non era una passeggiata si sapeva, che il viaggio è lungo pure, ma tu con questo post continui a dimostrare la tua forza di volontà e il tuo stare con i piedi per terra.
    Sei una grande mamma,attenta premurosa ma comunque scrupolosa; stai facendo un ottimo lavoro con la piccola e sono sicura che piano piano la monella raggiungerà i suoi obiettivi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Betty carissima, quante cose belle dici di me...spero di meritarle, di essere all'altezza del compito che ho come mamma della monella ( e del monello, non dimentichiamolo).
      Ti voglio bene, grazie.

      Elimina
  15. L'importante è non avere i paraocchi sul disturbo... ma nemmeno sulle positività e propositività che da esso scaturiscono!!
    E importante che all'interno del gruppo h abbiate chiara una cosa fondamentale: la diversità della monella non va "curata" ma lavorata, plasmata come creta si da renderla originale nel suo essere. Non sarà facile, niente sarà scontato, ci saranno passi avanti e passi indietro...ma saranno comunque conquiste verso la conoscenza di sè e l'autonomia. E, cosa più importante, passo dopo passo la monella imparerà a volersi bene.

    Per intanto si gode quello di mamma e papà, del fratellino dei parenti e amici tutti... e delle zie e degli zii del blog! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto, Calo: niente paraocchi, ma anche gioia per le piccole grandi conquiste.
      E' questo lo spirito che voglio avere.
      Sei molto cara, ti ringrazio!

      Elimina
  16. carissima Maris,
    tenendo conto che la scuola è cominciata da pochissimo, penso che sia già un ottimo risultato l'integrazione della monella con la maestra e la classe.
    Sono convinto e Lina conferma che con il sostegno e l'affetto di tutti, i più ed i meno della monella diventeranno un uguale.

    Carezze a tutti. robi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue carezze, unite a quelle di Lina, arrivano sempre al cuore, mio caro Amico.
      Ti sono grata dell'affetto e del pensiero costante.

      Elimina
  17. Cara Maris, vivi giorno per giorno i piccoli importanti passi verso l'autonomia della tua monella. Lei ha i suoi tempi e ogni piccola conquista sarà per te fonte di tanta gioia e speranza. Auguri di cuore per la tua bimba e per te. Baci ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai scritto una cosa fondamentale: vivere giorno per giorno. Questo è il segreto per farcela, in ogni situazione.
      Ti ringrazio e ti abbraccio.

      Elimina
  18. il tuo post è molto toccante per quanto è concreto!

    in bocca al lupo alla monella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi il lupo e grazie mille per le tue parole.

      Elimina
  19. Cara Maris, tutto sommato la cosa buona è che abbiamo persone che si occupano e si preoccupano dei nostri bambini. Non tutte le notizie sono perfette ma almeno il cammino è notevolmente positivo. Vi abbraccio, buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, Marzia, è quello che mi sono detta anche io alla fine: ci sono notizie non positive, ma ce ne sono anche di buone e il cammino comunque lo stiamo facendo e andiamo sempre avanti!
      Un grosso bacio.

      Elimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)