AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

venerdì 11 ottobre 2013

I venerdì del libro (149°): NON SPARARE, BACIAMI!

Cara Lilli,

questo venerdì il mio post dedicato all'iniziativa libresca di HomeMadeMamma sarà più uno s-consiglio che un consiglio di lettura, a dire il vero.

Io cerco di variare un pò il genere dei libri che leggo, alternado quando posso testi drammatici, fantasy, gialli e commedie divertenti. 

Un paio di settimane fa ho voluto leggere un romanzo di evasione, del tipo-Kinsella (autrice di cui ti ho parlato abbastanza bene in due occasioni). Peccato che non mi abbia fatto evadere più di tanto :-(

Si tratta di NON SPARARE, BACIAMI! di Sharon Krum.

Non è che io mi aspettassi un capolavoro, ma almeno con la Kinsella di "La regina della casa" e "Ho il tuo numero" mi sono rilassata e divertita, pur nell'inverosimiglianza di alcune situazioni, inevitabilmente un pò esasperate per creare l'effetto-fiaba moderna e arrivare al lieto fine desiderato. 

Nel caso di "Non sparare, baciami!" invece mi sono ritrovata spesso a scorrere le pagine in fretta perche' mi stavo un po' annoiando.

La storia è quella di una giovane donna in carriera (un avvocato per la precisione) figlia di un generale dell'esercito vedovo e fissato per la disciplina militare che l'ha cresciuta come un uomo. E questo ci può anche stare, entro certi limiti. Invece ti dico che qui la situazione e' portata ad un'esagerazione tale da non poter reggere assolutamente. 

Il personaggio della protagonista non è credibile neppure di striscio. E lo diventa ancora meno quando decide di cambiare totalmente il suo modo di essere per provare a trovare l'anima gemella, dato che fino a quel momento (come è ovvio) nessun uomo ha mai voluto avere a che fare con lei oltre il primo appuntamento.

Il suo modello diventa Doris Day, la famosissima attrice degli anni cinquanta e sessanta, che in tante commedie aveva immancabilmente fatto innamorare di sè l'imperturbabile burbero oppure il don giovanni di turno facendo leva solo su un'ingenuità disarmante e su una femminilità zuccherosa, tutta sorrisi e abitini dai colori pastello.

Non sto qui a raccontarti come avviene questa trasformazione, ma davvero è una cosa che non sta in piedi. Ti ripeto, so che non è di un libro impegnato che stiamo parlando, però un minimo di credibilità dovrebbe pur esserci. Leggendolo, al contrario, vien fuori che le giurie dei processi per omicidio, invece di dibattere sulle prove e sul verdetto, in sala di consiglio si mettono a disquisire sul delizioso completino verde mela dell'avvocato dell'accusa e su come sia dolce il suo sorriso e di come sia impossibile che una donna di quella gentilezza ed educazione possa mai dire qualcosa che non sia la verità!

Se si vuol leggere un romanzo rosa per passare il tempo, ok: questo potrebbe anche andare. A patto di essere consapevoli che non vi si troverà molto ritmo nè molto humor. Solo personaggi preconfezionati e prevedibili, per un finale che emoziona giusto un pò.

Eppure è un best seller. Sarò io che sono un pò troppo esigente, anche in fatto di romanzi di puro svago...chi lo sa.





I venerdì del libro di oggi su altri blog li trovi QUI


26 commenti:

  1. Non mi fido dei romanzi che hanno quel genere di copertine XD

    Moz-

    RispondiElimina
  2. anche a me capita di leggere libri che hanno storie assurde e ci rimango male perchè i libri mi piacciono e quando ne inizio uno le aspettative sono sempre alte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Io anche in un libro leggero, desidero ci sia un minimo di coerenza e credibilità e un pizzico di humor, se no diventa un fumettone senza senso.
      Un bacio e buon weekend :-)

      Elimina
  3. Best seller??
    O perbacco quanto pesa il marketing editoriale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, pesa un sacco mi sa.
      Ciao!

      Elimina
  4. Ciao Maris,
    almeno se il suo modello fosse diventato Kim Novak, di cui sono stato perdutamente innamorato (non ricambiato)...

    Scala un commento "cazzoso" da quelli che ti avevo anticipato...!

    Bacioni e bel fine settimana a tutti. robi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mattacchione di un Robi!
      Ho scalato subito ;-)

      Abbraccione a te e Lina e buon weekend.

      Elimina
  5. forse lo saltiamo questo.. che ne pensi?
    un bacione stellina mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io oramai l'ho letto, ma tu puoi saltarlo senz'altro direi ;-) non ti perdi nulla di che.
      Ti abbraccio forte tesoro, buon weekend!

      Elimina
  6. Anche a me la copertina non avrebbe attirato, la tua descrizione poi mi dà la conferma!ogni tanto ci vuole un libro leggero e divertente, peccato che non sia stato così con questo!
    Buon weekend!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io infatti leggo anche romanzi di evasione per staccare un pò la spina, ogni tanto, ma questo mi ha deluso :-(
      Bacioni!

      Elimina
  7. Io adoro i libri della Kinsella e spesso (anche io per evadere) leggo libri leggeri. effettivamente ho notato che la maggior parte sono proprio inconsistenti...va bene che sono libri frivoli...però un minimo di trama e cose studiate ci dovrebbero essere!
    Baci Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pensi come me, allora.
      Un bacione, ciao!

      Elimina
  8. Uhm mm..segno come da non acquistare!!
    Purtroppo, anche a scrivere libri leggeri ci vuole un po' di talento!
    La prossima volta, ti consiglio di provare con la Stefania Bertola, se ti sono piaciuti i due della Kinsella che hai citato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, avevo già segnato il nome della Bertola (ne hai parlato in un recente VdL, se non sbaglio). Grazie per avermelo ricordato!
      Baci!

      PS: spero da te vada tutto un pò meglio....forza!

      Elimina
  9. Mi annoia leggere un libro dove tutto è scontato.

    Buona domenica, Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, Gianna. E' stato questo un pò il problema di questa lettura: troppo prevedibile e tra l'altro anche poco divertente.
      Buona domenica a te :-)

      Elimina
  10. Non è il mio genere, ma ti ringrazio lo stesso dello s-consiglio, perché il tempo è poco, ed è bene essere corazzati contro tentazioni imprevedibili e da treno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è il bello del VdL, no? ;-)

      Elimina
  11. Bhè, siamo state compagne di letture frivole e bruttine allora! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto la stessa considerazione anche io, lo sai? :-)
      Siamo proprio zia e nipote ;-)

      Elimina
  12. amica mia dal titolo sembrava molto carino e invece leggendo la tua recensione ne sono rimasta delusa anch'io,non è il genere di libri che leggerei,grazie mille per la segnalazione questo non lo regalerò di certo a mia madre ahahahah,un bacione e buon inizio settimana tesoro ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è completamente da buttare, ma tra i libri di svago che ho letto finora è quello che ho trovato più sciocco e meno credibile, quindi non lo consiglio.
      Per fortuna ce ne sono altri invece divertenti e simpatici al punto giusto, perchè ogn tanto una lettura così per rilassarsi ci vuole proprio :-)

      Elimina
  13. Grazie per l'info e la recensione del libro. Un abbraccio a te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai, il venerdì è un appuntamento fisso: tranne rare occasioni non manca mai un consiglio (o uno sconsiglio!).
      Baci!

      Elimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)