AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

venerdì 13 dicembre 2013

I venerdì del libro (157°): IL TRONO DI GHIACCIO

Cara Lilli,

ho scoperto da pochissimo l'autrice di cui voglio parlarti oggi, aderendo come sempre all'iniziativa di HomeMadeMamma: si tratta di Sarah J. Maas.

Giovane scrittrice di genere fantasy, mi ha colpito piuttosto favorevolmente con il suo romanzo d'esordio, IL TRONO DI GHIACCIO (2012), edito in Italia da Mondadori.

Questo libro è il primo di una saga che già ha visto l'uscita nel 2013 del secondo capitolo e che nel 2014 vedrà l'uscita anche del terzo.

Protagonista della saga è una giovanissima e temutissima assassina professionista, Celaena, che all'inizio del libro scopriamo essere rinchiusa da un anno nelle terribili miniere di sale di Endovier.

A fare da lasciapassare per uscire dalla quella prigione è un ordine del principe Dorian del regno di Adarlan, il quale vuole farla combattere in un torneo il cui vincitore diverrà paladino del re (ossia "assassino reale") e, dopo 4 anni di devoto servizio, sarà libero.

Celaena odia il re il Adarlan, ha i suoi motivi per farlo, ma sa che quella offertale è l'unica possibilità di salvezza.

Così accetta di allenarsi e gareggiare, sotto la guida del fiero e distaccato capitano delle guardie reali, Chaol.

Il rapporto difficile da gestire ma sempre più stretto tra la bionda assassina e il capitano, in contrapposizione al rapporto che la stessa andrà intessendo man mano anche col principe Dorian, farà da cornice alla storia del torneo, che verrà turbato da una serie di misteriose morti che colpiranno uno dopo l'altro i gareggianti. 

Dietro a questi delitti perpetrati in modo sanguinario e atroce si nasconde una verità spaventosa, che sembra aver radici nel soprannaturale. Celaena si ritrova a indagare e a dover sventare il peggio.

Non svelo altro, ma posso almeno dire un paio di cose: il personaggio di Celaena è di per sè ambiguo, essendo lei un'infallibile assassina ma avendo anche una personalità variegata, in cui trovano spazio anche sentimenti che non si immaginerebbero. Ha un suo credo e un suo codice di comportamento. E ha un cuore.

Il modo migliore per affrontare questa avvincente lettura è conoscere il passato di Celaena, che ci viene rivelato nei 4 racconti che fanno da prequel alla saga e che si possono scaricare gratuitamente da Amazon (vedi qui): "L'assassina e il Signore dei Pirati", "L'assassina e il Deserto", "L'assassina e il Male", "L'assassina e l'Impero".

Se non li avessi letti nel giusto ordine, confesso che mi sarei trovata un pò spiazzata all'inizio del romanzo vero e proprio. Quindi li consiglio assolutamente, anche perchè sono belli e lo sono in modo crescente: il primo mi è piaciuto ma non mi ha entusiasmato, poi man mano il mio interesse è cresciuto e anche il mio indice di gradimento. 

Non sono arrivata all'entusiasmo suscitatomi dai romanzi di Cecilia Randall (tu sai di che parlo!), il mio coinvolgimento è stato meno totale e trovo che la Randall sia comunque più matura come scrittrice, più originale e proprio più brava. Ciò non toglie che Il Trono di Ghiaccio mi sia piaciuto e penso possa ben interessare gli amanti del genere fantasy. 

Adesso non mi resta che leggere il resto della saga, perchè voglio proprio vedere il destino cosa riserverà alla volitiva Celaena ;-)




 << Dopo un anno di schiavitù nelle miniere di Endovier, Calaena Sardothien si era abituata a essere condotta ovunque in catene, con una spada puntata adosso. [...] Da un pò non assaporava la paura, o meglio, si era imposta di non assaporarla. Ogni mattino, al risveglio, si ripeteva le stesse parole: "Non avrò paura". Per un anno quelle parole le avevano permesso di piegarsi senza spezzarsi, di non crollare nel buio della miniera.>>


I venerdì del libro fdi oggi su altri blog li trovi elencati QUI
 

18 commenti:

  1. Dopo gli zombie si deve mettere la parola "trono" o "ghiaccio" in un fantasy? :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè....hai trovato molti titoli in cui ci sono queste parole?

      Un salutone, Miki...al ritmo di canzoni natalizie ;-)

      Elimina
  2. No, questo libro proprio non lo conoscevo. Me lo "salvo", anche se ho già in lista Hunger Games. Dopo il film voglio leggere il libro! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me attira un bel pò Hunger Games, prima o poi vorrei leggere quella trilogia.
      Ciao, cara, buon weekend!

      Elimina
  3. sarà certamente un libro interessante, ma non è il mio genere. Il mio genere sono i racconti di interiorità fra persone che si attraggono, ma si evitano fino all'istante in cui i loro cuori esplodono, distruggendo all'improvviso tutti i veli della razionalità. A tale proposito vorrei segnalarti "La chiave di tutto" che mi ha appassionato la serata.

    Complimenti, complimenti, ma sul serio! Abbraccio. robi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora mi segnerò il titolo che citi... ;-)

      Robi! Grazie, grazie, ma sul serio!!

      PS: mi permetto di chiederti un favore...so che l'altra volta hai trovato parecchie difficoltà, ma almeno un tentativo lo faresti per scrivere due righe di recensione su Amazon? se non dovesse andare subito a buon fine però non fartene un problema e rinuncia pure!

      Elimina
    2. cerrrrrtamente! Penso di riuscire (in un paio di giorni) a scrivere (in brutta copia) il mio tentativo di recensione che tenterò di inserire su Amazon.
      E considerando ciò, continuo a non capire come si faccia a scrivere un libro partendo da un foglio bianco.

      Ciao Marissima. Kiss a tutti. robi

      Elimina
    3. Prenditi tutto il tempo che ti occorre. Grazie fin d'ora :-)
      In effetti anche io quando rileggo ciò che ho scritto mi domando come ho iniziato...e non me lo ricordo più, che cosa strana!!

      Buonissima domenica a te e Lina :-)

      Elimina
  4. Anche a me piacciono i fantasy, questa scrittrice non la conoscevo. Bacioni e buona domenica cara Maris ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è stata una novità di queste ultime settimane. Secondo me ha la stoffa per farsi un buon nome nel mondo dei fantasy!

      Un abbraccio!

      Elimina
  5. Cara Maris i libri di fantasia, ti portano la dove tutti ci piacerebbe esserci!!!
    La fantasia è senza fine tutto è possibile.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti a me piacciono i libri fantastici, per immaginare mondi nuovi, diversi da quello in cui viviamo.
      Buon fine settimana, caro amico!

      Elimina
  6. Maris se ti piace il fantasy leggiti Le cronache del ghiaccio e del fuoco... io il fantasy non lo amo particolarmente, ma i libri di Martin sono un caos a parte... il problema che ho io con i fantasy è che inizialmente li snobbo poi inizio a leggerli e mi risucchiano! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, lo so che dovrei leggerle Le cronache del ghiaccio e del fuoco, me ne hanno tanto parlato. Metto in lista, dai....prima o poi riuscirò a leggere tutti i libri che vorrei, no? ;-)
      Comunque è come dici: i fantasy, se scritti bene, ti risucchiano letteralmente!!
      Buona domenica!

      Elimina
  7. un bel libro selezionato, una recensione di tutto rispetto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentilissimo come sempre, caro Gunther :-)

      Elimina
  8. Questo non fa per me. Passo. A presto, cara, speriamo di essere meno di corsa questa settimana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si può leggere tutto, è naturale fare una cernita in base ai propri gusti ;-)
      Un abbraccio e buona settimana...un pò più calma, ti auguro!

      Elimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)