AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

lunedì 10 febbraio 2014

Scones (e non c'è due senza tre)

Cara Lilli,

prima di darti una buona idea per accompagnare il tè delle cinque ti spiego che intendo con quel "non c'è due senza tre": secondo te a che posso mai riferirmi? Ma al'influenza, ovvio! E al fatto che dopo il monello e me anche la povera monella è stata colpita dal virus, pur se in modo più lieve e con febbre meno alta. E' in via di guarigione oramai, ma intanto si è fatta il fine settimana chiusa in casa (e io con lei).

Adesso all'appello resta solo l'amato maritino, ma spero che almeno lui se la scansi ;-)

Chiusa parentesi, passo a dirti che sul blog della bravissima cuochina Raffaella alias Stregavera ho trovato tempo fa la ricetta degli scones, i dolcetti tipici inglesi che come ti accennavo prima sono un'idea fantastica per il tè pomeridiano.

Li conoscevo di nome ma non li avevo mai assaggiati, quindi il suggerimento della cara Stregavera è stato un invito a nozze per provarli :-)

Ti ricopio la ricetta che lei ha pubblicato sul suo blog, con tra parentesi la mia unica variante:


500 G DI FARINA 00
300 ML DI LATTE INTERO
160 G DI UVETTA
110 G DI BURRO
MEZZA BUSTINA DI LIEVITO PER DOLCI
2 CUCCHIAI DI ZUCCHERO (io ne ho usati 4)
1 CUCCHIAINO DI SALE

1 UOVO PER SPENNELLARE

Setacciate la farina direttamente nel boccale della planetaria, io ho usato la foglia, ma comunque si lavora facilmente anche a mano.

Aggiungere tutti gli ingredienti lasciando per ultimo il latte, aggiungendo alla quantità prestabilita qualche goccia se l'impasto risultasse troppo consistente. Al contrario se fosse troppo liquido aumentate leggermente la farina.

Stendere l'impasto su di un piano infarinato, non troppo sottile, alto circa un paio di centimetri. Con un coppa pasta circolare ricavate tanti biscottini, fino ad esaurimento dell''impasto.

Disponeteli su una teglia lasciandoli un pochino distanziati e spennellate con l'uovo sbattuto, cuocete a 200 gradi, con forno statico finchè saranno leggermente dorati.


Ed ecco, cara Lilli, una rappresentanza dei miei scones, fatti e rifatti con grande apprezzamento specialmente di mio marito, che è amante dell'uva passa. La loro caratteristica è quella di essere poco dolci e la conservano anche con la dose di zucchero aumentata da me, pensa tu!




Buon appetito, Lilli!


23 commenti:

  1. mmh buona questa me la prendo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai pure, sono contenta se la provi!

      Elimina
  2. Coi miei amici stiamo facendo delle colazioni molto dolci... è toccato ai pancakes e la prossima volta ai french toast... beh, direi che questi posso proporli! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il french toast l'ho preparato anche io un paio di volte, buono! Magari lo rifaccio e poi ne parlo qui sul blog ;-)
      Gli scones sono un'idea sfiziosa, provali!

      Elimina
  3. Cara Maris, prima di tutto ti ringrazio del tuo commento al mio blog...
    Ora mi posso permettermi di assaggiare con gli occhi questi che io li chiamerei
    dei grandi bocconcini!!! sicuramente buonissimi!
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio dei buonisismi bocconcini, hai ragione!
      Ti abbraccio, Tomaso, e ti auguro buonanotte.

      Elimina
  4. Ah, gli scones, che ricordi di quando vivevo a Cambridge. Si mangiano caldi, aperti a metà, con burro e marmellata (di fragole, possibilmente), oppure, in perfetto Cornish style, con la clotted cream.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho risvegliato bei ricordi, eh? :-)
      Devo provare a farcirli con la marmellata, grazie del suggerimento!

      Elimina
  5. Se la ricetta è di Raffaella, allora...beh, lei è una garanzia! Bravissima anche tu a riproporli, mi sembrano venuti benissimo! A me quello a sinistra, zeppo di uvetta ;-)!!!! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, è una vera garanzia :-) tanto è vero che sono dolcetti ottimi!
      L'uvetta piace anche a te tanto, eh? Brava, andiamo proprio d'accordo, amica mia!!
      Baci baci.

      Elimina
  6. cara Maris,
    come il tuo maritino, adoro anch'io l'uva passa, ma in versione liquida di Pantelleria...
    Ciao simpatici ex malatini. robi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La versione che piace a te al maritino non va a genio, lui è astemio. Ma invece a me piace, infatti mi hai fatto venir voglia di un bel passito.... :-)
      Ciao carissimo!

      Elimina
  7. Wow....e mi sa che non ci sono neppure ingredienti a cui sono allergica...devo provare!!!
    Mi spiace dell'influenza, qui si va di raffreddore ma prima o poi passa tutto, dobbiamo crederci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova, dunque! Non credo che te ne pentirai ;-)
      L'influenza pare sul punto di andar via, per fortuna. La monella è ancora convalescente, ma va meglio.
      Bacio.

      Elimina
  8. Ecco...uno "sconesino" di questi lo gredirei adesso per uno spuntino mattutino! :-)
    Spero che la monella vada via via riprendendosi e che il tuo sposo riesca ad essere più forte del virus influenzale..
    A presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio un ottimo spuntino, concordo :-)
      Speriamo che davvero il maritino non cada vittima anche lui del virus malefico....lui sta tentando in tutti i modi di resistere e per ora ci sta riuscendo!

      Elimina
  9. Il tè delle cinque al b&b è un must, a breve si fa merenda coi vicini parenti stretti.
    L'idea degli Scones non è male anche se non amo l'uvetta.
    Come stanno i monelli influenzati?
    un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, che bello rileggerti!
      Al tuo B&b ci credo che il tè delle cinque è un must ;-)
      Se non ami l'uvetta ci sono versioni degli scones addirittura salate, sai?
      Ti abbraccio forte, ciao!

      PS: la monella è ancora in convalscenza, ma procediamo verso la guarigione!

      Elimina
  10. Già ne sento il delizioso profumino :-) e auguri a malatini e malatona :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buoni, te lo assicuro!
      Di malatina è rimasta solo la monella, però migliora e spero che possa tornare a scuola presto.
      Un bacio!

      Elimina
  11. Magari al posto dell'uvetta potrei mettere le gocce di cioccolato!

    RispondiElimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)