AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

mercoledì 27 gennaio 2016

Mai, mai, mai dimenticare!


Cara Lilli,

è sera. La sera di una giornata in cui molti, moltissimi hanno detto e scritto tanto sulla ricorrenza della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz. 


E meno male. Meno male che se parla ancora tanto. 

Nel senso che sarebbe meraviglioso non parlarne più se questo bastasse a cancellare l'orrore di ciò che è stato. 

Ma non è così purtroppo. 

Ciò che è stato è un orrore che niente potrà cancellare MAI. 

E allora non bisogna smettere di parlarne MAI. 

Per non dimenticare MAI. 





Oggi è la Giornata della Memoria 
in commemorazione delle vittime dell'Olocausto.





Ho ancora nitido in mente il ricordo di me, bambina, alle scuole elementari, quando ebbi coscienza di quell'orrore, pur se limitatamente alla versione piuttosto sommaria proposta a noi piccoli studenti.

La maestra mi vide con le lacrime agli occhi e mi fece una carezza. 

Provo ad immaginare oggi, che sono adulta e ne ho coscienza piena e profonda, quanto avrebbero pagato per una carezza, una sola, nel momento della disperazione più tremenda...i bambini, le donne, gli uomini vittime di quell'orrore. 

Ci provo e non ci riesco, Lilli. Perchè sarebbe stato un prezzo inimmaginabile.

MAI, MAI, MAI dimenticare.




14 commenti:

  1. Dalla TV, oggi, ulteriori testimonianze di un orrore inconcepibile. Commozione, pena e ancora rabbia per l'assurdità di quanto è accaduto.
    Solo la memoria può vendicare tutte le atrocità.

    Un abbraccio. robi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Orrore inconcepibile, infatti. Eppure reale...purtroppo.

      Abbraccio forte a te, Robi.

      Elimina
  2. Cara Maris siamo uniti per non dimenticare, mai!!!
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso, sei sempre attento e presente e condividi questo pensiero.
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. Maris ti confesso che son rimasto sorpreso ("piacevolmente") nel vedere che ancora se ne parla e tanto. E' una eredità che dobbiamo lasciare a chi verrà dopo di noi, anche quando anno dopo anno sembrerà sempre più lontano. Non dobbiamo e non dovranno dimenticare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo i testimoni, i sopravvissuti, sono sempre meno di anno in anno...ma la loro eredità deve venir raccolta da noi e dalle nuove generazioni, si.
      E' una grande responsabilità.

      Elimina
  4. Non solo è necessario ricordare, ma fermarsi e chiedersi che cosa è successo, quali condizioni hanno permesso al nazismo di realizzare l'orrore che fu. E' fondamentale chiedersi da che parte saremmo stati e prendere su di noi la nostra piccola responsabilità umana quotidiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ninin tutti dobbiamo porci domande, certo. E anche oggi prendere posizione sulle nuove emergenze e tragedie che si consumano...

      Elimina
  5. Mio nonno e suo fratello, prigioneri in Germania, la notte di Natale, quando eravamo tutti insieme, ci leggevano i loro diari e a me, piccolina, faceva strano quando dicevano che mangiavano ghiande e bucce di patate...
    Mai, mai dimenticare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino le emozioni provocate da quella lettura, mia cara Calo...La realtà raccontata direttamente da chi ha vissuto tragedie legate a guerre, deportazioni, fame, è più forte e toccante di ogni altra cosa...

      Elimina
  6. mai dimenticare...ieri mentre scorrevano le immagini alla televisione, la mia piccola principessa mi ha fatto tante domande, anche se spesso potevano essere un po' forti, ne abbiamo parlato tanto
    baci Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Valeria, certo la tua bambina sta diventando più grande e vuole sapere, capire...E' difficile e duro ma man mano anche i nostri figli devono avvicinarsi a queste realtà seppure atroci per poter prendere le giouste posizioni e anche in futuro agire affinchè le cose non si ripetano!

      Elimina
  7. Ma soprattutto, non relegare questa coazione al ricordo a un comodo lava-coscienza. Perché ricordare, e ripetere ogni giorno, come si fa ora, non vale proprio la pena. La memoria non si ricorda, si esercita. Io, ai miei alunni, quest'anno l'ho spiegato così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naturalmente, cara, hai ragione: non dimenticare è la base da cui partire per un lavoro ulteriore di costruzione delle coscienze e per operare in modo giusto oggi e nel futuro.
      I tuoi alunni avranno apprezzato il tuo messaggio, non tutti sono fortunati ad avere professori che si prendono la briga di andare oltre al mero discorso del ricordo.

      Elimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)