AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

mercoledì 9 novembre 2016

A scuola coi monelli

Cara Lilli,

se ti trovassi a passare dalle mie parti in questo periodo e facessi una capatina alla scuola primaria, fermandoti in una quarta e in una prima, potresti vedere i miei monelli...all'opera.

Vedresti una monella che va spesso e volentieri nelle altre classi a salutare gli insegnati e i bambini (la conoscono tutti oramai!) e a far sentire quanto è brava con le tabelline e con la coniugazione dei verbi, tutta contenta.

Una monella che in questi due mesi del nuovo anno scolastico, tra lo stupore generale e superando lo scetticismo di chi diceva che oramai a 9 anni suonati sarebbe stato ben difficile, ha imparato  a scrivere in corsivo

Pensando che è in quarta elementare sembrerebbe una cosa banale, ma capirai che non lo è affatto vista innanzitutto la sua difficoltà nella motricità fine e poi il suo non accettare facilmente di non riuscire in qualcosa... la sua scarsa tolleranza della frustrazione insomma, detta in termini un pò più tecnici.

Lei in stampatello maiuscolo oramai scriveva bene, velocemente, in modo ordinato e soprattutto  corretto, cioè senza errori di ortografia e grammaticali, ma il passaggio al corsivo è una grande conquista perchè al di là del fatto pratico in sè, che è importante solo relativamente (avrebbe potuto continuare a scrvere in stampatello e non sarebbe cascato il mondo), rappresenta una sfida vinta con se stessa, con il suo timore di mettersi in gioco, con i suoi stessi limiti.

La maestra di sostegno, che sta facendo un bellissimo lavoro in questi anni, ha avuto il grande merito di non mollare, affiancata dalle terapiste, e la monella ha avuto il merito di superarsi ancora una volta, con la sua tenacia di fondo che l'ha portata già tanti piccoli-grandi traguardi

Ora non resta che migliorare la grafia dal punto di vista estetico, naturalmente. Ma c'è tempo per farlo, pian piano :-) 

Vedresti poi un monellino che sta imparando a restare in classe almeno buona parte della mattinata, cosa importante per la socializzazione, e più possibile seduto, cosa importante per il ridimensionamento dell'iperattività.

Un monello che poi, una volta a tu per tu con la sua maestra di sostegno, nel silenzio della saletta affianco all'aula, sta approcciando il pregrafismo. Finalmente. E qui un "OOOHHH!" di stupore ci sta tutto.

Era quello che avrebbe dovuto fare lo scorso anno, ossia l'ultimo di scuola dell'infanzia. Non è stato così, vuoi in parte per una sua immaturità, vuoi anche per la scarsa empatia e scarso polso dell'allora insegnante di sostegno, che pur brava persona e anche teoricamente preparata, non riusciva per sua stessa ammissione a coinvolgerlo e a tenergli testa (il monellino ha un caratterino che te lo raccomando....un testardo di prima categoria, che fa di norma solo quello che dice lui).

Il passaggio alla scuola primaria si è reso necessario per dargli lo stimolo che alla scuola dell'infanzia gli mancava, per inserirlo in un contesto più inquadrato con regole e tempi differenti, per aiutarlo a maturare in qualche modo.

Certo non ci si aspetta da lui che impari a scrivere quest'anno, nè che legga giacchè non parla ancora neppure. Ma iniziare a riconoscere i grafemi associati ai fonemi, impugnare finalmente una penna o un pennarello, colorare, tracciare delle linee seguendo un percorso tratteggiato o unendo due punti distanti tra loro....ecco, questo ora può farlo e in parte lo sta sta già facendo. 

Si comincia da qui, dalle piccole cose. Quello che verrà di più, strada facendo, sarà una gioia e in quel caso avremo la speranza di poter fare un passetto avanti ancora.

E poi adesso il mio monello quando saluta non fa più solo il gesto con la manina, ma dice anche un tenero "Sssao!" (la "ci" proprio non gli esce per ora)  che già è una di quelle gioie di cui sopra :-)



PS: ovviamente non è che non ci siano anche cose meno positive, Lilli, che non permangano difficoltà nelle giornate scolastiche dei monelli, momenti in cui hanno piccole-grandi crisi, chi per un verso chi per un altro... ma diciamo che io voglio cercare di guardare il bicchiere mezzo pieno... e avanti tutta, sempre!

19 commenti:

  1. Ma sssaoooo!! :-)
    Questi sono i post che fanno bene al cuore! I tuoi monelli hanno tanto da insegnarci, soprattutto in termini di forza di volontà! Li ho immaginati ed ho gioito con te per loro. Niente é perduto, anzi, tutto é una gratificante conquista, per loro e anche per voi genitori!
    E i cuori gioiscono per queste "gocce di balsamo"!.
    Felice per loro e per il tuo cuore di mamma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caraaaa!!! Grazie, grazie, sempre grazie per il tuo sostegno e l'affetto incondizionato :-)
      Andiamo avanti sempre con più fiducia e buona volontà possibili. Un bacione, Calo!

      Elimina
    2. PS: sssao a te, amica mia! :)

      Elimina
  2. Cara Maris, sono passato solo per augurarti una buona e serene notte!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso carissimo, un abbraccio e un sorriso per te :-)

      Elimina
  3. Maris... dopo molti mesi torno a leggere delle avventure dei tuoi birbanti!
    Vedo che hai, come sempre e giustamente, entusiasmo da vendere in queste sfide complicate.
    E quindi complimenti, a te e i tuoi figli :)
    Un abbraccione... e un sssaao! XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Miki!
      Il tempo passa, i monelli crescono man mano...e io sono felice, nonostante le difficoltà che ovviamente si profilano qua e là sul loro cammino, di darne notizia qui sul mio blog, che è il mio diario personale, si sa :-)
      Abbraccione e sssao ricambiati :D

      Elimina
  4. Quanto ammiro la tua tenacia e la tua mammosità Maris! Stai facendo un lavoro bellissimo e son contento che pian piano arrivino dei risultati. Stai (state perché sono certo che tuo marito e la tua famiglia stiano cooperando con te) assicurando un ottimo futuro a questi due monelli.
    Ti mando un bacio gigante e saaaooooo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia mammosità ringrazia per l'apprezzamento, Pier :-) sei carisismo, davvero!
      Certamente il lavoro lo facciamo in squadra, se no non sarebbe efficace...e infatti mio marito, papà dei monelli, non potrebbe essere più..."paposo" di quello che è ;-) :-)
      Sssao, un bacione!

      Elimina
  5. Maris, i tuoi monelli sono entrati nel mio cuore dal primo giorno che ti ho conosciuta in questo blog e con il cuore di mamma gioisco per tutte queste piccole ma assai importanti cose... Maris è come se ti conoscessi da una vita! Tu non sai come sono felice, tu non sai come vorrei dimostrartelo Tu sei una grande MAMMA, tu sei speciale ma loro i monelli sono nel mio cuore
    Grazie per aver condiviso questi grandi progressi... e come se io fossi li con te al uscita dalla scuola
    Oggi ho un motivo per sorridere! sono fiera di loro!
    un bacione grande grande per tutti e tre Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria cara, so che hai a cuore i miei monelli e te ne sono grata! E ti ringrazio anche per le tue parole rivolte a me, sei un tesoro...e io ricambio l'affetto e la stima e più che mai adesso ti sono vicina!!
      Ti abbraccio forte

      Elimina
  6. Volevo iniziare il commento con sssaoooo, ma ci ha già pensato la mia cara gemellina Calo.
    Direi che la monellina è sempre più lanciata verso il bello, ma penso che anche del monellino, considerando il passaggio importante dalla scuola d'infanzia, si possa gioire per la sua volontà di partecipazione.
    Guardiamoci e godiamoci questo bicchiere mezzo pieno e il tempo farà la sua parte per arrivare ai meritati traguardi.
    Ciao stupendi, un abbraccio. robi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo Sssao è gradito sempre e comunque, caro Robi :-) so che nasce dal cuore e dall'affetto che da anni nutri per la nostra famiglia e che sai è ricambiato...grazie davvero!!
      Un bacione a te e Lina.

      Elimina
  7. i tuoi monelli sono deliziosi, le tue parole rendono loro il massimo della giustizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Patalice! Sono contenta che passi attraverso ciò che scrivo la percezione di come loro sono nella realtà :-)

      Elimina
  8. Ciao Maris!
    Tu hai scoperto me ed io ho scoperto te e... wow! Ma che mondo immenso che descrivi nel tuo blog!
    Mi hai lasciata non solo senza parole, ma mi hai commossa.
    In modo dolce e delicato parli di un emozioni grandissime.
    Sono davvero felice di averti scoperta!
    Tornerò di sicuro a trovarti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvietta!!
      Che bello che tu sia passata da me :-) benvenuta!
      Ti ringrazio per le tue parole, davvero. Avremo modo di conoscerci meglio,ne sono sicura!
      Un abbraccio.

      Elimina
  9. solo una cosa: sie una mamma meravigliosa. Sono certa che con te al loro fianco riusciranno a superare tanti e tanti altri ostacoli ... un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manu cara, grazie! Io faccio del mio meglio, naturalmente, ma ti assicuro che sono proprio loro, i miei monelli, a fare tanto lavoro anche quando non ne hanno voglia o gli pesa o devono superare un periodo di crisi. Sono orgogliosa di loro :-)
      Un bacione!

      Elimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)