AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

mercoledì 31 ottobre 2018

Trapunte

Cara Lilli,

immagina la scena: poco fa in cameretta, io e la monella...

"Mamma, questa è la tua trapunta vero? Quella di quando eri ragazza e stavi a casa con nonno e nonna".

"Sì, è proprio quella. Lo sai, no? Non è mica il primo anno che la mettiamo sul tuo letto!"

"E' bella".

"E' bello soprattutto che ora sia tu a dormire al calduccio con lei, proprio come ci dormivo io anni fa!" 

Perchè io amo queste cose. Amo che ciò che è stato parte della mia vita ora sia parte della vita di mia figlia, così come quello che è stato parte della vita dei miei genitori sia parte della mia, come il copriletto trapuntato che uso sul lettone mio e del mio amore.

Sono solo oggetti, è vero. Questi qui come altri che conservo. Ma rappresentano qualcosa di importante, ben al di là del loro valore materiale: sono il segno tangibile della continuità, del calore, dell'amore familiare che passa da una generazione ad un'altra.

Mi mancano, mamma e papà. Mi mancano sempre, anche se col tempo, con gli anni il dolore del distacco ha assunto sfumature diverse che non so spiegare a parole, che si fondono tra loro nella vita quotidiana e si intrecciano a tutto ciò che faccio e che dico e che penso.

Vorrei che un domani, quando non ci saremo più, i monelli pensassero a me e mio marito come io penso ai miei genitori, sentendoci presenti e riconoscendoci lì dove nessun altro ci vedrebbe mai. 

37 commenti:

  1. Sono sicuro che per i monelli sarà così, in un tempo molto molto molto lontano da oggi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, Riky, per la certezza... e per l'augurio :)))

      Elimina
  2. Quello che dico sempre io è che se Lorenzo mi vorrà anche solo un terzo del bene che io voglio ai miei, allora sarò la madre più amata del mondo.
    Ma sono certa che i monelli vi adorano e vi porteranno nel cuore per sempre..
    Facciamo tra 70 anni.. 😉❤
    P.S. Lorenzo prima o poi dormirà nel letto che era mio, poiché la sua stanza è stata arredata con i miei mobili che a mamma non servivano più.
    Ed è piena di miei peluche..
    Ma quelli, prima o poi, mi convincerò ad impacchettarli.. 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo dico sempre anche io. E ci credo davvero.
      Ti ringrazio molto, anche per l'augurio di lunga vita, come dicevo a Riky :)
      E penso a quanto sarà bello per Lorenzo dormire nel letto che era della sua mamma e come sarà bello ancor di più per te vederlo dormire lì!
      Un bacio <3

      Elimina
  3. Non sono oggetti. Sono appartenenza, famiglia e continuità. Sono e saranno. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti: sono solo oggetti per chi non è capace di vedere al di là del loro valore materiale e capire l'importanza di ciò che rappresentano.
      E' questo che voglio "passare" ai miei figli. Un amore che impregna tutto ciò che tocca, per sempre.
      Ti abbraccio anche io, ciao Mari!

      Elimina
  4. Cara Maris, certi oggetti hanno un’anima, quella di chi li ha vissuti ed è bello e giusto che continuino a vivere di generazione in generazione. Buona notte a Monella al calduccio sotto la trapunta.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono gli oggetti che ci legano alle persone care al nostro cuore, anche quando queste non ci sono più accanto fisicamente. E' consolante vederli ancora in uso, che ci regalano ricordi ed emozioni.
      Buona serata e grazie, cara Sinforosa.

      Elimina
  5. è molto profondo e toccante quello che hai scritto...
    e la tua bimba deve aver compreso il legame le trasmetti con la trapunta..
    i bimbi si accorgono di tutto..
    gli oggetti si caricano sempre del nostro vissuto..


    ps mi piace questo sfondo autunnale!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero così, Juliette... i bambini hanno una sensibilità speciale, pura. Colgono sfumature importanti.
      Ti ringazio per le tue parole e ti mando un bacione!

      PS: immaginavo che ti sarebbe piaciuto lo sfondo autunnale, visto che hai sul tuo blog il puntatore animato con le foglie d'autunno :)

      Elimina
  6. Buongiorno Maris, buona festa di Ognissanti! Smaaack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Pia, grazie per l'augurio di ieri e un abbraccio a te oggi, in ricordo dei nostri cari che sono in Cielo!

      Elimina
  7. E' naturale che sia così ,gli oggetti li puoi toccare, immaginare che conservino ancora un loro tocco, o un lo sguardo. I vostri monelli faranno altrettanto e potranno sempre sentirvi accanto a loro.
    Penso che vi adorino e sempre lo faranno.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, come dicevo anche a Sinforosa, è consolante avere tra le mani e usare gli oggetti che hanno un "vissuto" a noi caro.
      Grazie Cri, sei cara davvero.
      Un bacione.

      Elimina
  8. Ti capisco al 100% perché è proprio così: le cose si ripetono, devono ripetersi, specie se sono belle.
    Un abbraccio a entrambe (non caloroso come la trapunta, ma ci provo!)^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bello, Miki... grazie mille! Questo tuo abbraccio è caloroso eccome :)

      Elimina
  9. Belle riflessioni e pensieri profondi, mi piace molto la tua sensibilità. Non smetterei mai di leggerti!
    Tutto ciò che rievoca affetti e ricordi, va custodito come qualcosa di prezioso, unico e raro, rappresenta un valore inestimabile.
    Un abbraccio grande, buon week end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni volta che passi di qui e lasci un tuo pensiero mi fai contenta, Seddy :) anche perchè io ho sempre percepito in te un'altrettanto bella sensibilità.
      Ti ringrazio tanto e ricambio il tuo abbraccio!

      Elimina
  10. Io la chiamo... la potenza dei ricordi...quei diamanti che risplendono nel cuore, abitano la memoria degli occhi e trasformano la mancanza in pienezza...
    Abbraccio stretto stretto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'immagine dei ricordi che abitano la memoria degli occhi è meravigliosa, così come tutto ciò che hai scritto. Grazie Calo, sempre... e un abbraccio a te!

      Elimina
  11. sai cara Maris, ho un legame fortissimo con gli oggetti che sono appartenuti ai miei nonni, e anche hai miei genitori...Ieri mia mamma mi ha donato una piantina, fatta dall'innesto di un altra pianta che era appartenuta a mia nonna...ho una paura matta di farla seccare...ogni giorno gli parlo...spero di tenerla in vita per molti anni come ha fatto mia mamma e un giorno regalare hai miei figli un innesto di questa pianta...Casa mia è piena di ricordi, li conservo gelosamente...spesso ritrasformo alcuni oggetti in base al arredamento di casa...per esempio una vecchia coperta bianca di nonna Mada, l'ho usata a rifoderare un pouf ed è bellissimo...la coperta della culla di mio papà è diventato un quadro...non parliamo dei mobili, delle vecchie cartoline, delle lettere...spero di trasmettere qualcosa anche io ai miei figli perchè mi possano ricordare e far ricordare a loro volta dai loro figli...
    Un bacio cara Maris e un bacione alla tua monella, che è fortunata ad avere una mamma come te! Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cosa bellissma questa dell'innesto e della piantina!!
      E posso immaginare la meraviglia di tutto ciò che hai saputo trasmormare e conservare, Valeria cara, sapendo come sei brava nel tuo lavoro e quanta sensibilità hai.
      I tuoi figlioli grazie al tuo esempio vedrai che saranno altrettanto bravi e attenti e pieni di cure per le cose belle che parlano di te, di voi, dell'amore della vostra famiglia...
      Baci a te, a voi tutti... e grazie di cuore!

      Elimina
  12. Quelle sfumature che non riesci a dire sono le più importanti ed anche con il tuo "silenzio" in realtà ce le hai comunicate e fatte sentire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me questa cosa viene prima di tutto quando scrivo qui sul blog: trasmettere le mie emozioni a chi mi legge.
      Ti ringrazio per ciò che mi hai scritto, Daniele!

      Elimina
  13. Ci sono oggetti che hanno un valore simbolico, che portano con se' il ricordo di sentimenti o momenti importanti. Per questo non sono solo cose, sono pezzetti di noi da tramandare! Che bella l'immagine della trapunta che passa di letto in letto da generazioni, evoca calore e amore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pezzetti di noi, proprio così. E perciò hanno un valore inestimabile!
      Grazie per aver apprezzato tanto il post e la storia della trapunta che ora è della monella, cara Giulia. Un bacio!

      Elimina
  14. Non solo gli "oggetti", ma anche le consuetudini (quel particolare piatto cucinato ogni anno per la tale festività), i riti familiari, vanno al di là, come dici tu, del loro valore tangibile. Non servono solo a trasmettere il ricordo delle persone amate, ma, a mio parere, fanno qualcosa di più, costruiscono la nostra personalità, tessono quella trama di sensibilità e valori così importante per ognuno di noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Infatti, anche le tradizioni familiari (che siano gesti, pietanze, modi di dire) hanno questo significato profondo, bellissimo!

      Elimina
  15. Ciao, gli oggetti che hanno fatto parte della nostra vita, che abbiamo toccato, abbracciato , indossato non sono "Cose" .Essi sono le nostre emozioni i ricordi più belli e tangibili, non hanno prezzo.
    Buon pomeriggio
    Rachele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Rakel!
      Davvero ci sono questi oggetti che hanno il potere di trasmetterci le emozioni del passato facendocele rivivere... ed è bellissimo.
      Buona domenica e grazie della tua visita!

      Elimina
  16. Bello che gli oggetti cari continuano a vivere. Non sono solo cose ma sono ricordi, emozioni. Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: sono proprio emozioni!
      Buon proseguimento di settimana a te 😊

      Elimina
  17. Che bella questa continuità, dare un valore più affettivo alle cose, che un valore materiale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, perché il valore aggiunto dell'affetto e della memoria rende questi oggetti davvero speciali!
      Ciao Moky!

      Elimina
  18. Eccomi di ritorno dopo diverso tempo di assenza dal mondo dei blog :) Io sono come te, amo molto ciò che è appartenuto ai miei familiari ovviamente se per me ha un significato particolare. Ho dormito per anni infatti, con un cuscino di mia nonna paterna, fino a quando ha iniziato a dolermi il collo ed ho dovuto cambiarlo inevitabilmente. Il cuscino si era così assottigliato che ho dovuto comprarne uno in lattice!!! Mannaggia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come spesso accade io e te ci ritroviamo vicine nelle stesse emozioni e negli stessi pensieri, Luna.
      Posso capire cosa significasse per te quel cuscino... peccato davvero che tu non possa più usarlo, ma sai quanto sarà stata felice la tua nonna nel sapere che l'hai usato per tanto tempo?
      Un bacione.

      Elimina
  19. Mi piace molto quello che hai scritto. In fondo nelle cose che usiamo e che erano dei nostri genitori è la continuazione della vita. Si apprezza tutto questo sopratutto dopo che loro non ci sono più. Un grande abbraccio a te. La torta è super ♥

    RispondiElimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)