AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

martedì 12 giugno 2018

Balle di fieno (2)

Cara Lilli,

è arrivato giugno (già da un pò, è vero) e ci ha portato in dono quelle meravigliose cose che sono le balle di fieno.

Ogni anno è lo stesso, identico sentimento di incanto quello che provo davanti alle distese color dell'oro piene di balle sparse qua e là.

Io ho la fortuna di vivere in una zona verde, tra monti e colline. Quindi mi basta uscire di casa per toccare la natura con mano, letteralmente. E sono felice che anche i miei monelli possano godere di questa bellezza e di quest'aria e di questi spazi. Senza stare in fila nel traffico per qualsiasi spostamento da fare, senza chiasso a tutte le ore.

Mi rendo sempre più conto che sono fatta per la vita semplice, informale, un pò fuori dal caos urbano. Che mi fa anche piacere, sì, andare a passeggio per il corso principale del cittadina capoluogo in cui sono vissuta fino a quando mi sono sposata (fare lo struscio, come si suol dire) o partecipare a qualche evento particolare o andare a una festa con tanta gente, ma purchè siano eccezioni e non la regola. Così che quando capitano ne gioisco sinceramente e le vivo con entusiasmo, cosa che non sarebbe possibile se fossero per me un'abitudine.

Come quando ero bambina e mia mamma per sua scelta non era solita comperare spesso cose tipo la nutella o la coca cola o le patatine, così che quando lo faceva per me e mio fratello era una vera goduria :-)

Non tutti siamo uguali, naturalmente. Ma così è come la... vivo io! 



Credit photo: Calaggio.it

Foto mia , tornando dal centro di riabilitazione con i monelli (pomeriggio del 13-06-2018)

28 commenti:

  1. Cara Maris, la campagna con le stagioni cambia ma è sempre bella da vedere.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, Tomaso: la campagna offre in ogni stagione uno spettacolo bello da ammirare!
      Un abbraccio a te :-)

      Elimina
  2. Lo sai che sono sempre rimasta affascinata dalle balle di fieno?
    Effettivamente in questo periodo è facilissimo trovarle, persino da me che abito sul mare.
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io le adoro. Mi fanno emozionare, non so spiegare bene il motivo.
      Qui da me ne è pieno, infatti ho aggiunto anche una foto scattata da me proprio oggi pomeriggio tornando dal centro di riabilitazione con i monelli.
      Baci!

      Elimina
  3. La serenità di certi posti è utilissima per avere anche una pace interiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai davvero ragione, Daniele. Infatti, apprezzo molto questo aspetto del mio vivere in una zona così verde e fuori dal centro urbano.

      Elimina
  4. Pensavo che, su Instagram, le balle di fieno sono tra le foto più gettonate, da qualche anno a questa parte.
    E anche io mi diletto quando arriva questo periodo.
    Certo, ogni volta devo spostarmi verso la campagna per gli scatti migliori (in Emilia o in Toscana per esempio ) ma i risultati sono gradevoli.
    Leggendoti, come mi succede sempre, la memoria va al tempo dell'infanzia che ho trascorso non molto lontano dai posti che tu conosci molto bene.
    Allora tra balle di fieno e sterpi, le gambe si riempivano di graffi mentre si andava "all'avventura".
    E poi papaveri e corse, giochi semplici e risate.
    La bellezza del divertimento puro, fatto di niente e di tutto.
    Cara Maris, io lo "struscio" lo facevo in città, sul corso. Durante tutta l'adolescenza e la prima giovinezza.
    Quante risate e occhiate ai ragazzi eheheheh
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Mariella, immagino bene le allegre scorribande tra balle e sterpi, papaveri e giochi semplici che però erano incantevoli come non possono esserlo quelli tecnologici di oggi (pur avendo anche quelli un certo fascino, non faccio quella che vive fuori dal proprio tempo!).
      I tuoi luoghi del cuore sono vicini a me e questo mi fa un enorme piacere, perchè ci unisce in qualche modo.
      E poi, lo struscio per il corso in città... certamente fa parte anche quello della nostra "formazione" ;) :)
      Un abbraccione a te!

      Elimina
  5. Quindi abiti in un posto magnifico, ondulato e fresco... beata te. Certo, poi ognuno ama il luogo dove abita, in effetti io non mi sposterei nemmeno nella via accanto alla mia però uscire di casa e vedere quel paesaggio... be’ sai che effetto mi fa? Mi parrebbe di essere in vacanza. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima foto è presa dal web ma è scattata comuqnue nelle mie zone. La seconda (aggiunta adesso) invece l'ho scattata col mio cellulare un'oretta fa pentre tornavo dal centro di riabilitazione con i miei monelli :)
      Capisco cosa intendi, che ti sentiresti come in vacanza: allora quando puoi magari concediti un pò di tempo in libertà in un posto simile, dai!
      Un bacione.

      Elimina
  6. Anche io amo molto questa vita, più sostenibile e più verde.
    W la campagna, che fa sognare in ogni stagione. Goditi questa stupenda visione!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. W questo vivere meno caotico, allora!
      Che poi come dicevo nel post poi la serata in città o la festa o la manifestazione più in grande vengono vissute più con entusiasmo, no? :)

      Elimina
  7. Splendida immagine Maris e mi ricorda tanto il mio Molise e i colori di questo mese ...
    La mia città è ancora abbastanza ... "umana" : ) , però il bisogno di vedere spettacoli così è sempre grande , per fortuna , basta allontanarsi di pochissimo dal centro ... Sono fortunata!
    Un abbraccio : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' già importante secondo me che la tua città sia ancora abbastanza a misura d'umo, cara Marinetta.
      Poi se basta poco per andare in luoghi ricchi di natura e colori e profumi... allora meglio ancora :-)
      Ti abbraccio anche io, ciao!

      Elimina
  8. Sai cara, che qui da me piove tutti i giorni e i contadini sono disperati...non riescono a fare il fieno!...Questo tempo con improvvise bombe d'acqua e forti grandinate, sta mettendo in ginocchio il mio paese...pensa che i fiori nella aiuole sono marciti per la troppa acqua...Niente ciliege, pomodori,patate....solo tanti funghi...ieri Michelle ne ha trovati tantissimi...Vorremo il sole! Un bacio VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui ha fatto molto caldo nei giorni scorsi, domani però è prevista pioggia, che pure è necessaria ovviamente... certo però che se da te ne ha fatta così tanta da far marcire i fiori nelle aiuole non va bene, mannaggia :(
      Spero arrivi da te il sole che aspettate!
      Ti abbraccio.

      Elimina
  9. Ma che meraviglia le balle di fieno!!! Sai che non le ho viste mai da vicino? Mi spiace tanto questa cosa :D
    Anche mia madre ci ha centellinato un po' quei vizi e sfizi, ed è davvero un modo per goderseli meglio.
    Ti abbraccio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo non puoi vivere senza aver mai visto una balla di fieno da vicino!!! ;) :D
      Scherzo, Pier, ma comunque sul serio sono bellissime, danno un senso di serenità, non lo so... hanno un fascino tutto loro.
      La tua mamma allora ha adottato con voi una politica simile a quella della mia con me e mio fratello ;)
      Un bacio grande!

      Elimina
  10. Quanto amo i luoghi bucolici! Ricordo che da bambina , per cambiare aria poiché digiunavo, andai con la nonna in una pensioncina di campagna; i proprietari erano contadini e andavo con loro sul carro a raccogliere il fieno.
    Non lo dimenticherò mai.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio contenta che tu abbia dei ricordi così belli e vivi di quella tua parentesi in campagna con la nonna. Sono preziosi!
      Un abbraccio.

      Elimina
  11. Risposte
    1. Vero? :)
      La natura "vissuta" da vicino è sorprendente!

      Elimina
  12. Ho avuto la straordinaria fortuna di fare tutte le vacanze estive della mia infanzia nella casa dei nonni materni in piena campagna.
    Tutto di quegli anni spensierati mi è rimasto nel cuore e non di rado passo ancora in quei luoghi per ubriacarmi di ricordi.
    Sono felicissimo di sapervi in questi spazi che aiutano i respiri dell'anima.
    Covoni e abbracci per tutti-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora hai sperimentato in prima persona che bello è vivere più a contatto con la natura!
      Grazie per aver condiviso i tuoi ricordi, Robi.
      Covoni e abbracci anche per te e Lina, con tutto il nostro affetto.

      Elimina
  13. La zona in cui vivi è bellissima dal punto di vista della natura. Ne serbo uno stupendo ricordo (a volte condito da un po' di invidia... :)
    Io le balle di fieno le ricordo dal giardino di mia nonna, tutte accatastate in magazzino. Immagino che vederle lungo i sentieri sia tutt'altra cosa...
    Presto risponderò alle email. Per ora vi abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Certamente le balle di fieno "in natura" sono più affascinanti di quelle "in cattività" ;) :D
      Ti abbracciamo anche noi con tutto l'affetto che sai e ci risentiamo poi via mail :)

      Elimina
  14. Mi piace tanto vederle per strada: mi mettono allegria e... mi fanno starnutire ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che l'allegria sia tale da compensare... l'allergia ;) :)
      Ciao Fede!

      Elimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)