AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

sabato 26 aprile 2014

Una canzone, tanti ricordi: ATTIMI

Cara Lilli,

come puoi leggere dal titolo del post stavolta non si tratta di un unico ricordo legato ad una canzone, bensì di tanti ricordi. 

Si, perchè questa canzone ha tutto un mondo dentro. Il mio mondo, il mondo della Maris bambina, della Maris adolescente e della Maris adulta. La canzone è cresciuta con me e io sono cresciuta con lei.

Avere un fratello che ha 6 anni più di te fa sì che quando sei ancora una bambina di 7-8 anni ascolti già canzoni che vanno al di là del solo Zecchino d'Oro. E infatti io è a mio fratello (che non smetterò mai di ringraziare) che devo la passione per un artista in particolare, che secondo me è assolutamente troppo poco conosciuto e apprezzato: Gianni Togni.

Mio fratello adolescente ascoltava dalla mattina alla sera i dischi di Gianni Togni, che esplose con "Luna" nel 1980 e poi però non mantenne sempre quel livello di successo, restando in definitiva più che altro un cantante di nicchia, per pochi intimi direi. Si conoscono molto alcuni brani (ad esempio "Semplice", "Per noi innamorati", "Giulia") ma il grosso delle sue canzoni non è noto al grande pubblico.

Mio fratello ascoltava quelle canzoni, quindi, e io le ascoltavo a mia volta e forse allora non sapevo neppure che sarebbero poi rimaste impresse, marchiate a fuoco nel mio cuore, per sempre.

ATTIMI, del 1981, è stata la prima canzone d'amore, veramente passionale, che io abbia ascoltato e imparato a memoria. Da bambina quale ero all'epoca ovviamente non comprendevo fino in fondo  i sentimenti che la pervadono, ma avvertivo che era speciale, che creava un'atmosfera unica.

Poi quando sono cresciuta un pò, adolescente anche io, ho cominciato ad amare ancora di più quella canzone.

Ma è solo quando poi ho conosciuto l'uomo della mia vita che ATTIMI ha acquistato un significato profondo e mi ha fatto vivere brividi a pelle ad ogni singolo ascolto.

E giusto poco fa, aprendo una vecchia agenda (anno 1999) che non sfogliavo da tanto, ho visto che nella pagina precedente a quella della data in cui io e il mio amore ci siamo fidanzati avevo trascritto proprio il testo di questa canzone con in fondo un mio pensiero...

"Fa venire la pelle d'oca, è un'emozione nuova ogni volta! Vorrei ascoltarla abbracciata stretta a lui..."

E allora... per chi come te (e come sicuramente tanti che passeranno di qui) non sa di cosa sto parlando, ecco questo piccolo gioiello degli anni '80...




ATTIMI (Gianni Togni) (1981)

Attimi fragili preoccupanti
attimi di un giorno come tanti
ma perché stiamo qui a guardare come vanno via
la città è solo un gioco di luci se vuoi possiamo spegnerle

Dalla mia stanza non si vedono aeroplani
solo una strada una fila di lampioni
il cielo è carta di giornale

è buono solo da bruciare 
Vedi quanta fatica per chiamarti amore
mi sembra strano come chiedere un favore
forse in fondo alla mia vita
c'è davvero solo una valigia

Vedi...


Amica mia io mi vorrei trovare
dove è possibile sentire il tuo cuore battere
solo noi in un posto tranquillo senza più città
con la terra da riprenderci con il sole da dividerci

Nel nostro letto scordato al quinto piano
c'è ancora voglia di capire cosa siamo
un viaggio in cui si arriva tutti e due
le mie mani strette nelle tue 

guarda che questa volta andremo più lontano
chiudendo gli occhi se rallentiamo
poi più forte fino a farsi male
fino a non saper più dove andare 


Senti...senti...

E adesso è come fossimo anche noi
niente più di questi attimi che vanno via


Senti...

E adesso è come fossimo anche noi
niente più di questi attimi che vanno via


22 commenti:

  1. Ma lo sai che appena ho messo play nemmeno mi sembrava cantata in italiano? Ahaha!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-( brutto cattivone di un Miki! Denigrare così il mio Giannino!!

      Ma ti perdono, và....de gustibus, si sa :-)

      Bacio!

      Elimina
  2. Tesoro mio Gianni Togni inconfondibile con la sua melodia, con la sua dolcezza, con il,suo amore, una colonna sonora anche per me che all'epoca ero una liceale 17enne che ascoltava questa musica magica e sognava; era il periodo dei lenti, delle gite e il mitico Togni ha fatto innamorare con la sua poesia tante generazioni e sono felice gioia che tu mentre la risenti avverti i brividi del ricordo del primo amore, dell'amore che sarebbe diventato il compagno di una vita ed il padre dei tuoi meravigliosi bambini e lo sai che stasera con questa musica, con queste belle parole, amica mia del cuore, mi hai fatto sognare, hai avuto la strabiliante capacità di allontanare le mie lacrime, gioia mi hai reso Cenerentola ma con te la,carrozza dell'Amicizia non si trasformerà mai in zucca!
    Grazie per aver raccontato della Tua Canzone, dei tuoi Attimi che son diventati Eternità!
    Gioia mia io sai bene che ti ringrazio per avermi fatto socchiudere gli occhi ed allontanare il grigiore della indifferenza!
    Un bacio grande grande amica mia dolcissima! Muach!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stella mia, che bello che anche tu hai amato Gianni Togni! Ma in effetti non poteva essere altrimenti, noi due siamo amiche con incredibili somiglianze e affinità, oramai lo so bene :-) e ne sono tanto felice!

      Un abbraccio forte, ciao!

      Elimina
  3. apprezzo molto Gianni Togni, particolarmente per i suoi pezzi più noti che ho sempre inserito negli aggiornamenti delle mie playlist. "Per noi innamorati" è tuttora nelle mie preferite fra le canzoni più belle di sempre. "Attimi" richiama il suo stile inconfondibile e da oggi avrò un motivo poetico in più per apprezzarla.

    Ciao Marissima & tutti. Baci. robi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Robi, ma che gioia! Non sapevo di questo tuo apprezzamento per Gianni Togni e venirne adesso a consocenza mi fa piacerissimo :-)))

      Un bacione, ciao!

      Elimina
  4. Non conosco questo cantante, ma il testo mi piace, descrive bene lo smarrimento che prova il protagonista della canzone, mi chiedo se non sia autobiografica.
    Un saluto e tanti abbracci ai monelli
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il testo infatti è bellissimo e intenso. Non so, a dire il vero, se sia autobiografico, ma son contenta che tu lo abbia apprezzato :-)

      Un bacione!

      Elimina
  5. Ciao Maris, scusami l'intrusione fuori tema al tuo post... Sono Artemisia1984 del blog In my dreams...anche se il nick che compare giù è diverso sono sempre io! Come ben sai, a seguito di una violazione del mio account di posta gmail, con modifiche credenziali di accesso e di recupero, e successivamente eliminazione dell'account e dei blog ad esso collegati, ho dovuto creare un altro account e nuovi blog caricandovi le copie di backup che avevo fatto. Avendo i nuovi blog nuovi indirizzi ho perso tutti i miei follower a cui nn arrivano più i miei aggiornamenti e io stessa ho perso la lista contatti. Ora di te e di altri ricordo il nick e il blog e sono in grado di contattarvi per il resto non so come fare...vorrei chiederti innanzitutto se ti va di riaggiungerti al mio blog e quando hai tempo, se puoi scrivere un post provvisorio che spieghi la mia situazione, e rimandi ai miei nuovi blog perchè ricordo che avevamo dei lettori comuni. I nuovi indirizzi sono:

    http://inmydreamsartemisia1984.blogspot.it/

    http://oggicosacucinoartemisia1984.blogspot.it/

    Ti ringrazio, ciao

    Artemisia1984 da oggi....Miss Artemisia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatto ;-) :-)
      Spero arrivino in tanti da te nei nuovi blog!!

      Elimina
  6. Risposte
    1. L'ho voluta postare proprio perchè sapevo che difficilmente è un brano noto al grande pubblico. Mi fa piacere che ti sia risultata gradita :-)

      Elimina
  7. Vado ad ascoltarla che non la conosco.;-)))

    RispondiElimina
  8. L'ho appena finita di ascoltare....mi piace! Mi vengono in mente quelle feste di compleanno che si facevano di domenica pomeriggio, nel garage di qualcuno e dove ballare un lento o un bacio rubato quando le luci si chiudevano, erano il max a cui potevi osare....che nostalgia....quasi quasi la riascolto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto è vero ciò che scrivi, Piky....richiama proprio quelle atmosfere lì :-)))
      Un bacio!

      Elimina
  9. Ciao Maris, non conosco la canzone e ne ho ascoltato un pezzo e non fa per me ma apprezzo il testo :) Anche io son cresciuto con sorelle più grandi che quindi ascoltavano altro, tipo, per la gioia di Moz, i Litfiba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scrivevo più su a Miki (o a Moz che dir si voglia) si sa che "de gustibus"...però ero certa che il testo lo avresti apprezzato!

      Elimina
  10. Non la conoscevo! ora vado ad ascoltarla che sono curiosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che ti sia piaciuta almeno un pò :-)
      In caso contrario, pazienza...e grazie per averla comunque ascoltata ;-)

      Elimina
  11. Sono stupende le canzoni di Gianni Togni a me piace molto Luna sono praticamente cresciuta cantando quella canzone che ancora mi viene in mente e canticchio spesso ancora oggi,bellissimi ricordi di un cantante non rimarrà un grande della musica italiana,un bacione grande ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luna è un brano a me carisismo, quindi mi fa piacere che tu la ami tanto!
      Gianni Togni è uno dei miei artisti preferiti in assoluto, cara Ombretta, peccato che non tutti lo conoscano a fondo.
      Ti abbraccio!

      Elimina
  12. Bellissima questa canzone, non la ricordavo. Mi ha fatto molto piacere riascoltarla. Le parole poi sono vera poesia. Bacioni ^_^

    RispondiElimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)