AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

martedì 19 marzo 2013

Carissimo papà...

Cara Lilli,

nell'estate 2011 partecipai alla Caccia al Tesoro "Sogni e Desideri" di Mamma Felice, e tu lo sai visto che ci ho dedicato vari post all'epoca (ero ancora sulla vecchia piattaforma, Myblog - Virgilio).

Perchè parlo di questa cosa giusto oggi? Semplice: oggi è la Festa del Papà ed è inevitabile per me pensare a chi non c'è più e che vorrei fosse ancora qui a vedere crescere i suoi nipoti, i quali o non lo ricorderanno (la monella aveva solo due anni quando lui è mancato) o non lo hanno addirittura neppure conosciuto (come il monello).

La terza tappa della CaT "Sogni e Desideri" aveva per tema "La felicità è un'avventura da vivere insieme" e Mamma Felice ci chiese di scrivere la lettera che non avevamo ancora scritto; fare la telefonata che avevamo rimandato; dire il ‘ti amo’ che non avevamo avuto il coraggio di dire, dare l’abbraccio che non avevamo ancora osato dare. 

Ebbene, se ricordi, io scelsi di fare la cosa che mi piace di più, che so fare meglio o che comunque mi riesce più immediata e che mi permette di esprimermi senza filtri: scrivere. E scrissi una lettera proprio a mio padre, che allora già mancava da 1 anno e 8 mesi.

Te la ripropongo oggi, in questa ricorrenza forse più commerciale che altro, ma lo faccio con l'affetto di una figlia che avrebbe voluto dire molto di più al suo papà mentre era in vita e che lo ricorda con amore e tenerezza.

<< Carissimo papà,

questa è la seconda lettera che ti scrivo in tutta la mia vita. La prima la scrissi quando avevo 9 anni, tornando dalle vacanze Pasquali trascorse in Toscana tutti insieme, ricordi? Ma ero solo una bambina e, per quanto ti volessi bene e per quanto fossi contenta di quel viaggio, avevo vissuto ancora così poco ed ero ancora così poco cosciente di cosa volesse dire essere veramente felici e soprattutto condividere la felicità...

Molto tempo dopo, non più bambina ma giovane donna, avrei voluto riscriverti ma non l'ho mai fatto perchè era subentrato un "pudore" che i fanciulli non hanno, dovuto anche al tuo carattere mite, introverso, poco espansivo che non facilitava la comunicazione con i tuoi figli.

Oggi voglio invece dedicarti queste righe per dirti che anche da adulta ti ho sempre voluto bene, che ti ho sempre stimato per la tua onestà, rettitudine,  intelligenza  e per il tuo grande spirito di sacrificio e che ho sempre saputo che tu mi hai voluto un bene immenso, dimostrato con i fatti più che con le parole e le coccole.

Ti ringrazio per tutto ciò che hai fatto per me e in particolare ti ringrazio per avermi dato una grande lezione di vera condivisione della felicità il giorno in cui, nel lontano febbraio del 2000, ti dissi personalmente (e non tramite mamma, come accadeva di solito per le cose delicate e importanti) che mi ero fidanzata con quel ragazzo che avevate conosciuto nei mesi precedenti, il giorno del mio 26° compleanno e alla tombolata di Natale (e che sei anni dopo sarebbe diventato mio marito).

Tu eri sulla cyclette e facevi i tuoi esercizi per la circolazione, ascoltando come sempre musica classica e leggendo un giornale: mi aspettavo un commento preoccupato o sorpreso o comunque non espressamente entusiasta, venendo io dalla cucina dove cinque minuti prima avevo dato la stessa notizia a mamma e lei mi aveva subito detto che si, andava bene, ma che mi pregava di stare attenta, perchè non ero più una ragazzina e perciò le cose andavano fatte seriamente, e di valutare bene tutto con calma per non restare delusa e non commettere errori (mamma era sensibile ma anche estremamente razionale). 

E invece...tu, sensibile nel profondo, dal cuore semplice, alzasti gli occhi dal giornale e senza smettere di pedalare mi chiedesti: "Tu sei felice?" Risposi convinta: "Si!" e tu: "Allora sono felice anche io!" e mi sorridesti con la tenerezza che solo un padre amorevole può esprimere.

Ciò che non seppi dirti quel giorno, te lo scrivo oggi: Grazie, papà mio!>>

 

53 commenti:

  1. Sono convinta che tutte le cose che non abbiamo detto ai nostri papà, in realtà loro le sappiano lo stesso e comunque se guardiamo il cielo e le sussurriamo piano, di sicuro ci sentiranno....io ci credo. Auguri papà!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credo profondamente anche io, Piky!
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. quando leggo i vostri post, di voi che il papà non lo avete più vicino così come l'ho io mi viene sempre la voglia di prendere il telefono o di andare da lui quei 5 minuti per abbracciarmelo o per dirgli semplicemente tvb. grazie cara per l'ennesima occasione..stasera ci faccio un saltino,,,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, Sly, non rimandare mai quando hai tempo per goderti un pò il tuo papà (ma anche la tua mamma, è ovvio!).
      Avrai tanti ricordi preziosi, poi.
      Un bacio grande!

      Elimina
  3. leggendo il tuo post ho rivissuto alcuni momenti della mia vita!!!quando ho perso il mio papà avevo un bimbo di due anni e una bimba in grembo!!!ho cresciuto i miei figli parlando loro ogni giorno del loro fantastico nonno e in questo modo per loro c'è sempre stato...e voi che ancora avete il vostro papà abbracciatelo e baciatelo più che potete....un abbraccio cara lilli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lorita, faccio anche io così...parlo ai miei monelli del nonno che è in Cielo (e della nonna, perchè anche mia madre purtroppo non c'è più da quasi due anni) e guardiamo delle foto o dei video. Non sarà come vederli di persona, è vero, ma almeno sapranno chi erano.

      Un abbraccio a te!

      Elimina
  4. Che ricordo fantastico, che emozione, che papà!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Moky. Il mio è stato un papà sempre presente e amorevole, pur se timido e riservato per carattere, e pur se con i suoi difetti, come ogni persona ovviamente. Ne ho bellissimi ricordi.

      Elimina
  5. E niente. Tocca smoccolare in redazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta! Ci sono occasioni che scatenano le emozioni e i ricordi...e spesso chi legge ne resta coinvolto.
      In effetti comunicare le mie emozioni è proprio il motivo per cui ho aperto un blog!

      Elimina
  6. Cara Maris, è bello sentire una figlia, che ricorda il caro papà.
    Ovunque egli sarà dal celo ti sorride e è sicuramente contento, di vedere tutto questo.
    Buon S. Giuseppe cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei molto gentile, caro Tomaso, grazie. Il mio papà mi è sempre vicino, lo so.
      Spero che anche tu abbia trascorso un buon San Giuseppe con la tua famiglia!

      Elimina
  7. ......
    lettere e letterine...
    tante...
    in ogni occasione e ricorrenza...
    ...
    in contraccambio baci, carezze e abbracci...
    ogni volta più forti e intensi...
    ...
    e questa fisicità mi manca...anche se è marchiata a fuoco sulla pelle...
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti baci o abbracci non ne ho avuti dal mio papà, era timido e riservato, ma aveva un sorriso tenerissimo per noi figli quando voleva comunicarci amore.

      Un pensiero va anche al tuo papà, cara Calo, che sono certa sarà orgoglioso della sua figliola.

      Elimina
  8. Dolce Maris, ogni giorno che mi sveglio vorrei donare a mio padre la felicità che aveva visto nei miei occhi tempo fa, non farlo più preoccupare e soffrire per me. Quello che scrivi a lui è una lettera dolcissima, mi fai commuovere.
    Ti bacio tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Berry, sono sicura che tuo padre capisce se stai passando momenti particolari, di ricerca della felicità, e ti è vicino. Sarà bello condividere momenti di felicità pura quando ci saranno...e ci saranno, stanne certa!!
      Grazie per le tue parole, ti mando un bacione anche io.

      Elimina
  9. Maris, cara! Se non l'hai capito c'ho la lacrima facile...sarà la vecchiaia! Ti abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tanto affettuosa, Antonella, grazie davvero.
      Un bacione.

      Elimina
  10. La mamma è sempre la mamma, ma il papà... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero: il papà è una figura altrettanto importante, spesso non adeguatamente valorizzata.
      Ho letto il tuo post in proposito...bellissimo davvero :-)

      Elimina
  11. Grandi emozioni, Maris, certamente sempre vive.
    Ho imparato anch'io a non rimandare e a non tacere, è troppo importante tenere sempre vivo l'amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, meglio dire ciò che si prova, i rapporti ne usciranno rafforzati!
      Ciao, buona giornata Marzia!

      Elimina
  12. Sarebbe bello invece scrivere ogni tanto qualche letterina ai nostri genitori o che i nostri figli la scrivessero a noi, ma... ce ne ricordiamo sempre quando non ci sono più.
    Però io penso che non lo facciamo per negligenza, ma soltanto perché non vogliamo pensare che un giorno non saranno più con noi a sorreggerci e quindi è come se, inconsciamente, li considerassimo immortali.

    Un caro saluto, Maris.
    Nadia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto umano questo che succede, Nadia, si. Siamo portati a pensare che c'è tempo, che loro sono sempre lì a proteggerci...
      Comunque il ricordo è vivo, vivissimo e per fortuna che c'è :-)

      Un bacione.

      Elimina
  13. Se tuo padre fosse ancora in vita ti pregherei di dirgli che lo stimo immensamente, per quella sola e piccola frase: "Sei felice?".
    Sembra facile pensarlo e chiederlo, vero? Non è così, invece.
    Ti abbraccio "Maris"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto l'essenza della mia lettera, Letizia, grazie.
      Ti abbraccio anche io!

      Elimina
  14. E' tutto il giorno che provo a lasciarti un commento senza riuscirci. Ci riprovo. Volevo dirti che mi ricordo di questa tua lettera, forse perchè, come ci siamo dette altre volte, i nostri padri sembrano molto simili per certi aspetti.
    La tua lettera si commenta da sé. Ti abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzitutto grazie per la tenacia e la pazienza nel commentare, Tamara :-)
      E poi..si, immaginavo che tu avresti ricordato questa mia lettera e ciò che ci dicemmo tempo fa sui nostri papà..
      Un grosso bacio, amica mia.

      Elimina
  15. Ciao Maris, molto belle queste parole "non dette", ma che si sanno, fidati.
    E arrivano, ovunque debbano arrivare.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh si che arrivano, Miki. Ne sono ben convinta anche io :-)
      Grazie, buona giornata!

      Elimina
  16. Una bellissima lettera, Maris cara. Che fa commuovere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te è più che mai un meraviglioso complimento, 'povna.
      Grazie.

      Elimina
  17. Che bello! Io dovrei smettere di leggerti: in un mese mi sono venuti gli occhi lucidi 2 volte ;-))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non provarci, sai? Intendo a smettere di leggermi!!!
      Al limite ti concedo di fare rifornimento di fazzolettini ;-)

      Grazie, un abbraccio!

      Elimina
  18. Che bello!!! bellissima risposta quella di tuo padre.
    Stima a gogò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era proprio una persona da stimare, cara Rachele. Ti ringrazio per averlo compreso.
      Un bacione.

      Elimina
  19. Che dolcissimo post cara Maris, mi sono commossa.... Un abbraccio grande!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentile, Speedy, grazie.
      Il mio è un ricordo tenero e bello, quindi desidero che anche chi legge provi una bella emozione.
      Baci!

      Elimina
  20. Bellissima lettera, mi ha commosso cara. Ti abbraccio forte! Buonanotte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un papà come lo è stato il mio meritava queste attestazioni di stima e di affetto, avrei dovuto scriverla quando era in vita questa lettera...ma un pò mi consola che lui sapesse cosa c'era nel mio cuore così come io sapevo cosa c'era nel suo.

      Buona giornata, carissima!

      Elimina
  21. Che lettera meravigliosa, piena di sentimenti da parte tua e del tuo papà......ho un ricordo molto bello di Stefano, come dici tu una persona che non parla molto maa che SENTE MOLTISSIMO !!!!!!!!!!!!! In diverse occasioni ho notato come lui sapeva vederti dentro, senza dire molto ma con il suo sentire sapeva anche essere di grande aiuto alla tua mamma................era unaa persona SPECIALE e tu sei una figlia SPECIALE !!!!!!! un abbraccio forte
    elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi consola sempre tanto il pensiero che ci sono persone, come te ad esempio, che sono state amiche di famiglia con cui posso parlare di papà e mamma ricordando tanti aneddoti sapendo che sarò compresa nel profondo.
      Papà era diverso da mamma ma li univa l'animo sensibile e il grande amore reciproco.
      Un bacio, cara Elena.

      Elimina
  22. ciao Maris,

    quel non smettere di pedalare e darti la sua risposta ha un significato straordinario.

    Abbraccissimo. robi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo dubbi che l'avresti colto, Robi :-)
      Grazie per esserci sempre.
      Abbraccissimo ricambiato.

      Elimina
  23. Ciao Maristella,
    la tua visita mi ha reso veramente felice e ciò che mi hai scritto ancora di più...anch'io ho conosciuto poche omonime di Maristella...tutto attaccato e senza a...solo noi possiamo capire l'importanza di questo nome scritto in questo modo...io adoro il mio nome e sono grata ai miei genitori di avermi chiamata così!!! Grazie per i complimenti sul mio blog...ma anche il tuo è molto bello...e cosa che ci accomuna è la sensibilità e la capacità di esprimere ciò che proviamo attraverso una frase...ho scelto questo post per salutarti perchè la tua lettera a papà è veramente dolcissima...mi sono molto emozionata a leggera perchè rispecchia un pò il mio modo di essere e ciò che sono i miei genitori...la risposta di tuo padre è quella che mi hanno sempre dato i miei genitori...non ho figli ma credo che sia l'amore più grande che esista...!!!! un abbraccio immenso e ancora grazie di questa sorpresa stupenda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaoooo! Grazie di aver ricambiato subito la mia visita :-)
      Eh si....come è vero ciò che dici: solo noi possiamo capire l'importanza di questo nome scritto in questo modo!!! E sapessi quanto sono grata io anche ai miei genitori per averlo scelto per me :-)
      Insomma...un'affinità "di nome" la nostra, si, ma anche di sentimenti e sensazioni a quanto mi sembra di capire!
      Sono proprio felice di averti incontrato e credo che sarà molto bello seguirti ed essere seguita da te.
      Buon fine settimana, intanto, e a presto!!

      Elimina
    2. Si sarà un piacere leggere un pò di noi...buon fine settimana anche a te...un bacio grande

      Elimina
  24. ciao Maris
    solo oggi ho letto il tuo post ... non perchè non lo volevo leggere, ma sapevo che non ero pronta e avrei versato delle lacrime ... ho la fortuna di avere ancora il mio papà, litighiamo perchè siamo così, ma ci vogliamo molto bene ... bella la risposta del tuo papà ... i papà sono così!!!
    un fortissimo abbraccio Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patrizia carissima, non preoccuparti, comprendo che a volte si abbiano dei dissidi o comunque delle discuzzioni o divergenze di opinione con i genitori, succedeva anche a me con papà e mamma, ma l'amore era fortissimo (e lo è ancora, pur se in modo diverso adesso che non sono più qui fisicamente accanto a me).
      I papà poi sono "personaggi" con un modo tutto loro di approcciarsi ai figli, a volte più schivo rispetto alle mamme, ma a volte più semplice e disarmante...almeno per me è stato così con mio padre!
      Ti mando un bacio e goditi sempre il tuo papà, mi raccomando!!

      Elimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)