AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

venerdì 12 dicembre 2014

Venerdì del libro (198°): L'APPRENDISTA BABBO NATALE

Cara Lilli,

rieccomi di venerdì a proporre letture a te e a chi passa di qui, aderendo all'iniziativa di HomeMadeMamma. 

Stavolta voglio tenermi in tema col periodo natalizio e parlarti di un bel racconto che ho avuto occasione di leggere in questi ultimi giorni: L'APPRENDISTA BABBO NATALE di Bonifacio Vincenzi.

E' una storia carina e delicata, scritta in modo scorrevole dall'autore. Ha dalla sua il pregio di essere semplice, diretta. E secondo me è questo il modo più adatto per parlare ai bambini, destinatari principali del racconto, di un tema come quello dell'accettazione della diversità e dell'integrazione.

Infatti, il racconto parla di un Babbo Natale alle soglie della pensione che cerca tra i bambini del mondo che portano il suo nome (Nicolaus) quello che potrà prendere il suo posto come nuovo Babbo Natale. E la scelta ricade su un bambino vispo, gioiso, generoso e con la sindrome di Down. 

Questo piccolo Nicolaus sarà coinvolto nel progetto e ne sarà entusiasta. Fin da quella che sarà una sorta di "prova generale" conquisterà la fiducia di tutti, elfi aiutanti di Babbo Natale compresi.

Simpaticissima la figura dell'angioletto custode di Nicolaus, che dà un tocco di leggerezza al racconto.

A me è piaciuto, lo leggerò di certo anche alla mia monella :-)

Pubblicato da Kymaera Edizioni in formato digitale, questo racconto è disponibile nei maggiori ebook store.




<< Il momento tanto atteso era finalmente arrivato. Ancora pochi minuti e Babbo Natale avrebbe comunicato, alla Commissione composta dai folletti più anziani, il nome del suo giovane successore.
Per due anni Babbo Natale aveva seguito, da una grossa e magica sfera di cristallo, tutti i bambini del mondo che si chiamavano Nicolaus. Questa sua occupazione l'aveva divertito molto.[...]
Passavano i giorni, le settimane, i mesi e Babbo Natale proprio non riusciva a prendere una decisione. Più bambini guardava più si convinceva che la sua scelta sarebbe stata davvero difficile.
Poi, una domenica pomeriggio, dalla sua sfera di cristallo era apparso lui, il Nicolaus che stava cercando.
«Eccolo!», esclamò Babbo Natale. «È lui, è lui! Finalmente l'ho trovato!»>>


I suggerimenti di altri blogger per questo venerdì del libro li trovi elencati QUI


18 commenti:

  1. Cara Maris, siamo nel periodo che i Babbi Natali nascono come i funghi, e bisogna stare attenti a quelli buoni, come sono io:-)
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei davvero che tutti i babbi Natali fossero buoni e teneri e anche simpatici come te, Tomaso carissimo!
      Buona serata a te, un abbraccio :-)

      Elimina
  2. Molto particolare come trama e come tematica!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Particolare, ma semplice e piacevole da leggere!

      Elimina
  3. Mia dolce amica, quanta tenerezza e dolcezza in questo libro, non smentisce mai la tua infinita sensibilità!
    Un bacione grande gjoia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Stella, per la tua stima nei miei confronti! Questo racconto è molto carino e tenero, può insegnare con semplicità qualcosa di importante e cioè il rispetto, l'amore per ogni persona, anche per chi ha delle particolarità.
      Tanti baci, buona serata amica mia carissima!

      Elimina
  4. Deve essere un libro molto delicato e penso faccia molto bene anche leggerlo a noi adulti, per ridestare quel fanciullino che teniamo dentro e spesso è assopito..
    Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un racconto piuttosto breve, si legge bene e come tu giustamente dici Nella, è adattissimo anche per noi adulti che dobbiamo ritrovare il fanciullino "nascosto" nel cuore :-)
      Bacioni!

      Elimina
  5. Sai cara Maris, sai che sto facendo anch'io l'apprendista Babbo Natale,
    se passi nel mio blog lo puoi vedere
    ciao buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto da te, caro Tiziano: davvero una storia bellisisma e la tua poesia pure è delicata e bella.
      Sei un apprendista Babbo Natale perfetto :-)
      Un bacione!

      Elimina
  6. Sembra una storia molto bella, oltre che essere perfetta per il periodo!
    La cercherò per scaricarla, grazie del suggerimento!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per questo ho scelto di postare questa breve recensione adesso ;-) :-)
      Un bacio, ciao!

      Elimina
  7. lo cercherò anche io, una storia così semplice ma bellissima da leggere in compagnia della mia bimba
    quanto c'è da imparare anche da un semplice libro per bambini
    non vedo l'ora di leggerlo
    un bacio e buona domenica a te e hai tuoi bambini VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggere insieme ai propri bambini è una cosa bellisisma, poi se ci osno racconti delicati e teneri come qeusto è ancira piàù bello :-)
      Ti abbraccio, cara.

      Elimina
  8. Una bella idea regalo questo libro.... Un abbraccio a te cara Maris e alla tua bella famiglia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei sempre cara Speedy :-)

      Elimina
  9. Ottimo suggerimento, nel periodo giusto! Mi spiace solo che sia disponibile solo in formato digitale... noi amiamo sfogliare i libri, tenerli in mano... ci stiamo abituando molto a rilento al digitale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco, Stefy, davvero. Anche se io oramai leggo quasi sempre in digitale per comodità e costi ridotti ammetto che la lettura fatta sui libri cartacei, da sfogliare materialmente, ha sempre un fascino intramontabile!!
      Ciao :-)

      Elimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)