AVVISO AI LETTORI:

AVVISO AI VISITATORI: Questo blog è "migrato" da Myblog a Blogger il 1° ottobre 2012. Ho trasferito una parte dei vecchi post in questa nuova "sede", ma chi volesse saperne di più di me, di Lilli e del nostro "passato" può andare a dare un'occhiata QUI

mercoledì 23 maggio 2018

Senza parole

Cara Lilli, 

non stare lì a lambiccarti il cervello per cercare l'interpretazione da dare al titolo di questo post, perchè non c'è alcun significato nascosto: senza parole sta a indicare esattamente che io oggi sono senza parole perchè non ho voce

Sono praticamente afona, ecco.

Tu lo sai che io e la raucedine ci conosciamo molto bene, dopo lunghe frequentazioni avute nel corso della mia vita. E quando come oggi raggiunge livelli massimi mi prende sempre un pò di sconforto, perchè tu sai anche che la parlantina è una dei miei tratti caratteristici, perciò ammetto che mi pesa non potermi esprimere liberamente a voce.

Ma stavolta posso dirti che più di altre in passato sto sperimentando una cosa: a parte il fatto che anche il monellino, oltre alla monella, si adegua teneramente  al mio sussurrare (e neppure quello in certi momenti...) sussurrando a sua volta, sto verificando quello che potrà sembrare banale ma invece non lo è e cioè quanto sia importante lo sguardo, la mimica facciale.

Sia stamattina quando ho accompagnato a scuola i monelli, sia dopo in macelleria o in pescheria, sia poco fa con terapiste e altre persone in sala d'attesa al centro di riabilitazione dove i monelli fanno psicomotricità e logopedia... ovunque, insomma, ho potuto dire ben poco a parole, solo qualche mezzo sussurro, ma ho ascoltato e risposto con cenni del viso, con un sorriso, con uno sguardo interrogativo, con uno di comprensione, con uno un pò arrabbiato quando il monello stava facendo un capriccio... e così via. Ed è stata una comunicazione comunque  a suo modo efficace, ho interagito lo stesso, pur senza poter ovviamente fare chissà che discorsi.

Ora non è che voglio dire che non è necessario parlare o che non sia costruttivo e bello e importante, ma in effetti si può entrare in contatto, instaurare un rapporto con gli altri anche senza molte parole, a volte anche senza nessuna parola proprio. 

Lo sto dicendo a te, lo condivido qui, ma devo ricordarmelo io per prima, Lilli. E intanto faccio un pò di allenamento in questi giorni, che ne pensi? :)



40 commenti:

  1. " un po' di allenamento " ... che simpatica che sei : ) Sai, in senso buono ti invidio un po' perchè come dici tu "hai la parlantina" ... io invece sono molto taciturna , spesso parlo poco , ascolto e osservo molto questo sì ... Diciamo che spesso , molto spesso , non mi sfugge niente e gli sguardi men che meno ... Però , a volte vorrei essere un ... pochino , pochino più "chiacchierona" ... : ) : ) ... Mi piace il tuo post , sei sempre così vera
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, cara Marinetta, dovremmo scambiarci un pò delle nostre caratteristiche, per bilanciare le cose :-)
      A parte tutto, ti ringrazio davvero perchè mi fa piacere che attraverso i miei post arrivi a chi legge il mio essere... così come sono nella realtà. Mi piace essere me stessa sempre, anche quando scrivo!
      Un bacione :)

      Elimina
  2. La voce e le parole sono importanti ma non sono l'unico linguaggio per esprimere amore ed ogni altro pensiero. Guarisci presto :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero, ci sono tanti modi per comunicare che prescindono dalle parole.
      Ti ringrazio, Daniele, oggi va già meglio per fortuna. Ciao!

      Elimina
  3. Vedi, avere un blog ti ha fatto parlare anche senza voce, Maris :)
    A meno che non te l'abbia rubata Ursula, la strega del mare, la voce ti tornerà presto :D

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto, Miki! Il blog è uno dei modi di comunicare senza bisogno di parlare a voce :)
      No no, fortunatamente Ursula non c'entra nulla con la mia raucedine :D Le contrattazioni con lei le lascio fare ad Ariel La Sirenetta ;)
      Oggi sono già migliorata, comunque.
      Salutone!

      Elimina
  4. Nel mio lavoro la voce è indispensabile e le volte che sono rimasta afona ho usato il fischietto, i bambini si divertivano un mondo perché io lo facevo “parlare”, quel fischietto, e poi risciacqui con acqua limone e miele... ma che disagio. Ciao Maris e buona notte.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino te con il fischietto a... trillare :)
      Sai che sfizio per i bimbi!
      Oggi per fortuna vado già migliorando.
      Un bacione, cara Sinforosa.

      Elimina
  5. Devi avere dei bellissimi occhi e uno sguardo speciale cara Maris... Un bacio Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Valeria, grazie perchè mi hai fatto un complimento bellissimo pur non consocendomi di persona! In effetti, credo che più che la bellezza dei miei occhi, che sono di un comune castano tendente al verde, quello che di solito notano gli altri è il sorriso. E' difficile che io non rivolga un sorriso a chi incontro sulla mia strada :-)
      Un abbraccio, ciao!

      Elimina
  6. L'unica volta che sono rimasto afono è stata prima di un esame (che ovviamente non ho potuto dare) è divertente a volte anche se con due bambini non è semplice :D Ma almeno riusciamo sempre a farci capire!
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aiuto! Proprio prima di un esame??
      Con i monelli non è semplicissimo, ma alla fine ti dirò che sul serio con lo sguardo riesco a farmi capire bene anche da loro, perchè mi conoscono e sanno che significa ogni espressione del mio viso ;) :)
      Sono già in via di guarigione, ad ogni modo.
      Baci!

      Elimina
  7. Carta e penna, funzionano sempre!
    Mi dispiace per la gola, speriamo passi presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quello di carta e penna è un modo che può essere utile, specie se la voce è andata via proprio completamente.
      Grazie, Francesca, oggi con aerosol e gargarismi già sto meglio, per fortuna!

      Elimina
  8. Urge riposo vocale mi sa! :(
    Rprndt prst! Bczz scl! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grz mll,crssm Cl!
      Tnt bc!
      :D :D :D

      Elimina
    2. PS: l'influenza del nostro Robi si fa sentire ;) sei diventata anche tu bravissima con queste trovate simpaticissime :-)))

      Elimina
    3. Si chiama gemellitudine cronica... e si, é contagiosa!! :D :D :D

      Elimina
    4. Sempre i parenti che mi fregano. Anche la mia gemellina ha messo la freccia di sorpasso. Non mi resta che applaudire.

      Elimina
    5. Appluausi ad entrambi i gemellini, secondo me! :-)

      Elimina
  9. E' vero che lo sguardo dice molto più di tante parole, ho sempre pensato che gli occhi sopratutto, rivelano molto più che parlando. Come anche i gesti e la mimica del viso, secondo me bisognerebbe ogni tanto essere tutti senza voce ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un buon esercizio di comunicazione, sì :) e comunque io da sempre ho molto ammirato le persone che hanno gli occhi espressivi, perchè colpiscono al cuore.
      Un bacione, grazie di essere passata Luna!

      Elimina
  10. Ciao cara. Sono stata un po'assente. Credo tu abbia perfettamente ragione. All'uso della parola siamo abituati e tante volte ne abusiamo. Con i gesti e co gli sguardi possiamo essere anche più incisivi e tante volte sono più che sufficienti. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho pensata spesso in questi giorni perchè ti immaginavo piena di lavoro e aspettavo di rileggerti... ed eccoti qui!
      Quando mi capita di avere la raucedine così forte davvero sperimento un modo di comunicare diverso e bello, fatto di sfumature che con le parole non si riesce a far "passare" a chi ci sta di fronte.
      Un bacio grande!

      PS: Ho appena commentato da te :)

      Elimina
  11. Come sarebbe bello un mondo di poche parole, sussurrate.


    Imitando Calo: t mnd n bc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, Robi... pensa che bello sarebbe senza parole urlate che fanno solo caos.

      T bbrcc!

      Elimina
  12. Ciao Maris,
    può essere un bel modo di comunicare quello degli sguardi e della mimica facciale, come hai scritto...
    Ti lascio un saluto ed un abbraccio e tanti tanti baci ai monelli Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è tanto da dire pur senza le parole, infatti... :-)
      Un abbraccio a te, Maris, e spero di rileggere presto anche qualcosa sul tuo blog!

      Elimina
  13. Il silenzio delle volte vale di più di mille parole inutili dette solo per aprire la bocca, sono una tua nuova follower se ti va di seguirmi anche tu su https://michelaencuisine.blogspot.it grazie e piacere di conoscerti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere mio, Michela! Grazie, passerò senz'altro da te e così ci consoceremo meglio :-)
      Immagino dal link del tuo blog che ti occupi di cucina e ricette e la cosa mi piace... anche io in piccola parte posto qualcosa qui da me, specie dolcetti facili e veloci.
      Allora a presto e un bacione!

      Elimina
  14. Si può comunicare in tanti modi, usando carta, penna e un bel quaderno, oppure una lavagna e tanti gessi colorati o meglio ancora uno sguardo molto espressivo.
    Spero tu stia meglio, un abbraccio a te e ai monelli!
    Amanda e Sole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa bella sarebbe riuscire ad usare un pò tutti i modi di comunicare, variando all'occorrenza, quando occorrono delle sfumature diverse e non solo quando è necessario per cause di forza maggiore.
      Io sto abbastanza bene adesso, ma non ho ancora la voce al 100%.
      Ti ringrazio del pensiero, Amanda, e ti abbraccio, mandando anche un bacetto a Sole!

      Elimina
  15. Spero che ad oggi tu stia meglio.
    Quando sono stata operata alla tiroide, ho perso l'uso della voce per un mese. Io ho una voce squillante, parlo spesso ad alta voce, quindi tutti erano contenti che non potessi farlo ;)
    La mimica facciale è importante, per quello parlare al telefono una lingua straniera è molto difficile, perchè manca quella ad aiutarci.
    Buona ripresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Moky, adesso va abbastanza bene grazie.
      Io non ho una voce molto squillante, ma di solito parlo molto quindi comuqnue la differenza con quando sto bene si è sentita eccome ;)
      Hai ragione, la mimica facciale è più importante di quanto si possa pensare. Dovremmo sfruttarla di più, anche quando non è strettamente necessario, come dicevo anche in una risposta precedente.
      Un abbraccio!

      Elimina
  16. Cara Maris, ti ho trovata sul blog di Sinforosa.
    Ho letto la tua storia ed ho capito che incrociarti non è stato un caso.
    Sai, io sono molto fatalista.
    Sul mio blog mi sono occupata spesso di monellini come i tuoi, e ti invito a dare un'occhiata.
    Intanto, posso dirti che noi mamme parliamo col cuore, non con la bocca. Quindi saprai fare a meno della voce. ;)
    Un forte abbraccio. A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Claudia! Grazie del tuo commento, sarò felice di passare da te a conoscerti e scoprire anche come ti sei occupata di monellini come i miei :-)
      Io oggi ho di nuovo la voce a posto, ma davvero hai ragione tu perchè noi mamme sappiamo parlare col cuore!
      Un abbraccio a te, a presto.

      Elimina
  17. Io lo sapevo, che il silenzio la maggiorparte del tempo è sottovalutato... troppo spesso si dà aria alla bocca senza dire niente che valga la pena di essere ascoltato, e non è sempre facile farlo notare, io sono per dare importanza alle parole!
    Mi piace il tuo blog, ho cliccato il SEGUI :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle tue parole e soprattutto benvenuta sul mio blog, Erika!
      Sono passta anche io da te al volo, ma tornerò con più calma a conoscerti meglio.
      Ciao, a presto!

      Elimina

GRAZIE DEL TUO COMMENTO, TORNA A TROVARMI :-)